Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Coldiretti Benevento, ‘Bene prime adesioni al no Ceta’

Scritto da il 28 giugno 2017 alle 18:55 e archiviato sotto la voce Attualità, Lavoro. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Arrivano le prime risposte positive all’invito di Coldiretti, rivolto alle amministrazioni comunali, di schierarsi contro il Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement), l’accordo economico e commerciale globale tra Unione europea e Canada che rischia di travolgere le produzioni a denominazione e legate al territorio campano.

Ieri la delibera di giunta comunale del sindaco di Benevento, Clemente Mastella, che è stato uno tra i primi in Campania; oggi l’adesione di tanti altri comuni della provincia.

“Gli amministratori del nostro territorio – ha dichiarato il presidente di Coldiretti Benevento e Campania, Gennarino Masiello – hanno ben capito che l’accordo comprometterebbe l’economia agricola del Sannio: il Canada è il principale esportatore di grano in Italia e l’introduzione del Ceta potrebbe provocare un crollo del prezzo di quello italiano per via dell’azzeramento strutturale dei dazi per l’importazione. Stesso discorso per la carne di manzo e suina. Il trattato riconosce solo la mozzarella di bufala, ma rischiano di finire nel gioco commerciale delle imitazioni e dei falsi prodotti identitari, che rappresentano un pezzo importante dell’economia e delle comunità rurali, 13 Dop e 9 Igp regionali: dall’extravergine alle carni, dai formaggi agli ortaggi, dai pomodori alla frutta”.

“La situazione ci preoccupa oltremodo – ha aggiunto il direttore di Coldiretti Benevento, Francesco Sossi – perché su 288 denominazioni Made in Italy, registrate come Dop e Igt, nel risulteranno protette appena 41. L’adesione di tante amministrazioni alla lettera che abbiamo inviato loro nei giorni scorsi ci incoraggia a portare avanti la nostra posizione e ci fa capire che la tutela del territorio, del suo patrimonio agroalimentare e dei cittadini consumatori non sono solo una priorità di Coldiretti”.

La lettera inviata due giorni fa dalle cinque federazioni provinciali ai 550 comuni della Campania e alle amministrazioni provinciali chiedeva ai sindaci e agli amministratori di deliberare un ordine del giorno che consentisse agli Enti territoriali di esprimersi sull’accordo mentre il Senato sta votando la legge di ratifica.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628