Materasseria Italiana Zampetti Noleggio Pensato Stampato CRC Store Gino & Genny Gino & Genny Primi Anni Raia Immobiliare Edil Appia Mercatino Streghe Mercatino Streghe Amplifon

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Parrucchieri, barbieri e centri estetici, Puzio scrive a Conte

Scritto da il 29 aprile 2020 alle 17:11 e archiviato sotto la voce Foto, Lavoro, Primo Piano. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Parrucchieri, barbieri  e centri estetici, Puzio scrive a Conte

Il consigliere comunale Antonio Puzio, delegato alle Politiche Giovanili, al Turismo e all’Artigianato per il Comune di Benevento (gruppo Moderati) si è rivolto direttamente al presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte: in una lettera inviata per conoscenza anche al governatore De Luca e al sindaco Mastella, Puzio ha sollecitato un intervento del governo rispetto alla riapertura anticipata, in Fase 2, di parrucchieri, barbieri  e centri estetici, rispetto alle date già fissate dall’esecutivo.

Ecco il testo integrale della lettera:

Ill.mo Presidente del Consiglio dei Ministri Avv. Giuseppe Conte Sua sede

e.p.c.

Al Presidente della Regione Campania Dott. Vincenzo De Luca Sua sede

Al Sindaco di Benevento Dott. Clemente Mastella Sua sede

Oggetto: Appello  per la riapertura urgente di parrucchieri, barbieri  e saloni estetici.

Egregio Presidente,

Voglio innanzitutto ringraziarLa per il lavoro che sta facendo in una situazione emergenziale mai vista prima. Ho deciso di indirizzare a Lei alcune brevi considerazioni riguardo la grave situazione in cui versano i piccoli artigiani, e in particolare i parrucchieri, i barbieri ed i saloni estetici. Quanto da Lei annunciato sulla fatidica FASE2, riguardo l’apertura delle attività in oggetto, spostata al 1 giugno, è stata una doccia fredda per il settore. Si tratta di un colpo durissimo che inserisce le realtà produttive tra quelle più a rischio chiusura e fallimento. Voglio ricordare che questi settori svolgono un servizio molto importante per la cura della persona, anche degli anziani e dei bambini, e che sono già tenuti a rispettare norme rigorose su igiene e pulizia. Sicuramente un locale di 100 metri quadri, con due persone, non è meno sicuro di un autobus con 20 persone all’interno. E ancora, considerando le misure preventive che, anche in situazioni di normalità, gli operatori del benessere devono attuare, e che verranno intensificate in questa situazione di emergenza, ci si domanda: davvero queste realtà sono più rischiose dell’apertura dei parchi in città? Di un via libera all’attività fisica e agli allenamenti per atleti? Dell’apertura di musei ed altro?

I numeri della categoria sono importanti: 300 mila famiglie che si trovano già in seria difficoltà, si tratta dello 0,5% della popolazione italiana che garantisce circa 6 miliardi di fatturato. Questa chiusura non solo ha causato 1,5 miliardi di perdite, ma è probabile che il 25% dei saloni, i più piccoli e più deboli finanziariamente, non riapriranno. Ben il 90% dei 130.000 saloni è costituito da piccolissime unità, dove lavorano mediamente due persone, con fatturati e margini molto bassi che arrivano appena a coprire e garantire la gestione giornaliera dell’esercizio.

Numerose le dichiarazioni e le proteste raccolte in questi giorni dagli operatori di cui ho voluto farmi portavoce. È necessario ripensare subito all’agenda ed intervenire urgentemente con un importante sostegno economico per aiutare coloro che sono esasperati dalla situazione di emergenza e dalla grave crisi che li ha colpiti.

Serve inoltre un nuovo decreto urgente, per quanto concerne le attività del settore e il nostro territorio, che possa concedere ai saloni di riaprire in largo anticipo.

Basterà indicare loro le linee guida da seguire, per la riapertura in completa sicurezza dopo l’emergenza Coronavirus, che già comporterà importanti investimenti per adempiere alle misure, che almeno potranno essere compensate da un inizio di attività più celere, senza che si aspetti ancora un lungo e drammatico mese.

Resto in attesa, fiducioso, di un Suo positivo riscontro.

Antonio Puzio, Consigliere delegato alle Politiche Giovanili, al Turismo e all’Artigianato per il Comune di Benevento

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione IL SANNITA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01755500624