Materasseria Italiana Zampetti Noleggio Pensato Stampato CRC Store Gino & Genny Gino & Genny Primi Anni Raia Immobiliare Edil Appia Mercatino Streghe Mercatino Streghe Amplifon

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Ad Ascoli ultima gara di B del Benevento

Scritto da il 28 luglio 2020 alle 17:12 e archiviato sotto la voce Calcio, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

La sconfitta col Chievo fa cadere l’imbattibilità interna della squadra di Inzaghi. Un gol a freddo, o quasi quello di Garritano. Perché due minuti prima c’era stata una prima avvisaglia. Ed era andata molto, molto bene: con la palla che sbatte sul palo interno e non entra dopo una deviazione di Barba su un tiro di Ceter che pure pareva imprendibile e che forse sarebbe finito nel sacco.
Il Benevento ci ha messo un po’ per carburare e trovare ordine tattico in campo. Ma poi ci è riuscito. E’ riuscito a sistemarsi e a trovare eleganza e fluidità nei meccanismi. Ha assediato l’area avversaria per tutto il match senza riuscire a scardinare la difesa avversaria.
E’ saltato un record, quello dell’imbattibilità interna, ma poco importa: è solo una medaglia in meno su una divisa già plurimedagliata. Certo sarebbe stato un altro bel regalo per il presidente Vigorito che proprio nella mattinata aveva ottenuto la cittadinanza onoraria.

La sconfitta coi clivensi indica anche che non è possibile fare meglio del Palermo di Iachini (86 punti), al massimo eguagliarlo in caso di vittoria contro l’Ascoli.
Il Picchio non è ancora del tutto salvo. Rischia ancora di essere invischiato nel playout salvezza perché il vantaggio è di solo un punto su Pescara e Perugia che ancora potrebbero scavalcarlo.
Anche il pareggio con la capolista, dunque, non garantirebbe la salvezza certa in caso di vittoria degli abruzzesi e degli umbri. Entrambe le avversarie, però, giocheranno in trasferta. Il Pescara al Bentegodi contro il Chievo, che non è ancora certo dei playoff, e il Perugia al Penzo contro un Venezia già salvo.
La squadra del tecnico Dionigi dovrà provare a fare bottino pieno se non vuole lasciare nelle mani altrui il proprio destino. Il massimo dirigente del club marchigiano, Massimo Pulcinelli, ci crede e incoraggia tramite facebook anche i suoi a farlo: “Forza ragazzi, ci avete messo il cuore – ha scritto Pulcinelli dopo la sconfitta contro il Pisa -. Siamo stati “poco fortunati”; ci rifaremo Venerdì per la finale delle finali. Noi sempre con voi, forza e coraggio”.
Per i sanniti, quindi, riuscire a espugnare il gemello del ‘Ciro Vigorito’ non sarà semplice. Considerando pure che i bianconeri al ‘Del Duca’ hanno perso solo 4 volte in questo campionato (contro Pescara, Frosinone, Cremonese e Perugia).
L’ultimo match di serie B per i giallorossi è comunque un’altra prova importante, un test-match probante in proiezione futura. Perché Inzaghi si è portato già avanti con il lavoro, provando nuove soluzioni tecnico-tattiche che potrebbero far comodo tra qualche mese. Sì, perché per lui la Serie A è già iniziata da un po’.

Edoardo Porcaro

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione IL SANNITA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01755500624