Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Fiera mercato salsiccia rossa di Castelpoto

Scritto da il 24 aprile 2012 alle 11:10 e archiviato sotto la voce Primo Piano. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

“Fiera mercato salsiccia rossa di Castelpoto”. Grande evento a Castelpoto, organizzato dal Consorzio locale dei produttori della salsiccia rossa in collaborazione con il Comune di Castelpoto, e con il patrocinio della Provincia di Benevento, Regione Campania, Slow Food, Unpli.
Protagonista la salsiccia rossa che rappresenta una delle peculiarità del paese grazie alle antiche tradizioni che si sono tramandate nel tempo sino ad oggi. Grazie all’impegno di tutti i produttori locali si è dato inizio ad una serie di eventi tra i quali quello della “fiera mercato salsiccia rossa di Castelpoto”, finalizzati anche ad una promozione turistica del territorio. La valorizzazione di tale prodotto riveste importanza per la tipicità, unica nel suo genere, e per la genuinità e biodiversità.
In particolare il programma per mercoledì 25 aprile prevede, dopo l’apertura della fiera alle ore 10, giro in moto e apertura degli stands gastronomici, animazione per i bambini dalle ore 15 e, alle ore 18, presso la sala consiliare, convegno sul tema della valorizzazione dei prodotti tipici. Interverranno il Sindaco di Castelpoto Isidoro Simeone, il Presidente della Camera di Commercio Gennaro Masiello, Carlucci per l’Asl, Vito Trotta per l’associazione Slow Food, Luigi Auriemma per la Coldiretti e Francesco Massaro per lo Stapa Cepica. Alle 20,30 seguirĂ  spettacolo musicale con il gruppo “Romagna Capitale”. Il programma dell’evento può essere scaricato al sito web: http://www.salsicciarossadicastelpoto.it/. Caratteristica: il colore rosso salsiccia. La lavorazione viene fatta selezionando carni suine scelte (prosciutto, spalla) mescolate con lardo, pancetta e polvere di peperoncini – dolci o piccanti – altrimenti detti “papacelle” . La polvere viene preparata frantumando i peperoni piccoli che, in genere, si conservano infilati con ago e filo in collane e, poi, appesi ad essiccare all’aria in luoghi ombrosi. Dopo la tostatura in forno a legna, alimentato con legno d’ulivo e quercia, i peperoncini sono macinati a mano; la salsiccia viene riposta in locali naturali dove stagiona dai 20 ai 50 giorni.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628