Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Pit, presentata la coalizione. Mastella: “Qua sono e qua resto!”

Scritto da il 10 aprile 2011 alle 19:47 e archiviato sotto la voce Politica, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Presentazione ufficiale, oggi pomeriggio, presso il “Cafè Le Trou” di Benevento del candidato sindaco del “Patto per il Territorio” Carmine Nardone e del suo comitato elettorale
Al dibattito con i colleghi della stampa, oltre lo stesso Nardone, hanno preso parte il segretario provinciale del Partito Socialista Giovanni D’Aronzo, il segretario del movimento Città Nuova Nazzareno Fiorenza, l’europarlamentare dell’Udeur-PPS Clemente Mastella, Federica Bozzi per l’Unione Democratica dei Consumatori, il segretario provinciale dell’Udc Gennaro Santamaria e per Territorio e Libertà il senatore Pasquale Viespoli.

Brevissima, quasi un blitz, la presenza di Mastella, chiamato ad altri impegni elettorali, che ha sorpreso tutti, prima di andar via, nel puntualizzare e soprattutto sgombrare il campo da qualche “voce”, fattasi strada nelle ultime ore, in base alla quale l’Udeur avrebbe appoggiato la candidatura di Tibaldi (PdL) a sindaco della città: rispondo come Lutero nel 1517 quando qualcuno cercò di fargli fare marcia indietro rispetto al famoso atto eretico, ovvero “Qua sono e qua resto!”.

Un programma d’amore per la città – ha sottolineato la giovane rappresentante dell’Unione Democratica dei Consumatori – quello che Nardone e questa coalizione hanno sottoscritto in vista della prossima tornata elettorale: non potevamo non dare il nostro sostegno.

Sulla stessa lunghezza d’onda Giorgio Nista, sindaco di Colle Sannita, che ha parlato di un sogno… quello di un Sud coeso, legale e innovativo, “un sogno che solo gli uomini possono realizzare”.

“C’è un tempo per le contrapposizioni, per gli antagonismi, e c’è un tempo per le soluzioni – ha esordito il senatore Viespoli – il tempo della politica che comprende come in tempi di forti difficoltà c’è bisogno della centralità del territorio”. Ovvero “il tempo di una coalizione che chiede a tutti di fare un percorso virtuoso dimostrando che c’è un Sud operoso. E non è un caso che certe persone e certe storie si ritrovino: questa è un’alleanza popolare e non un’alleanza tra potenti, perché i potenti, in questa comunità, stanno da un’altra parte”.

“Pur dovendo superare qualche resistenzxa interna al partito – ha invece sottolineato Giovanni D’Aronzo, assessore uscente e in seno al Pit come Partito Socialista – siamo convinti della scelta operata nello sposare la candidatura di Carmine Nardone a sindaco di Benevento. Imbarazzati? Niente affatto – ha concluso l’ex assessore alla Partecipazione a palazzo Mosti – perché sicuri che l’unione delle forze migliori non mancherà di dare i suoi risultati.

L’argomentazione che più ci ha colpiti, ha sottolineato dal canto suo Nazzareno Fiorenza del Movimento “Città Nuova”, nel dare la nostra adesione al programma del Pit, è senza dubbio il concetto di territorialità: non a caso vogliamo essere l’anello di congiunzione tra il palazzo dell’amministrazione e la gente.

Similitudine tutta calcistica quella adoperata da Gennaro Santamaria (Udc) per spiegare l’adesione alla coalizione: faremo come il Napoli, ovvero un campionato al di là delle previsioni ed il nostro matador sarà Carmine Nardone…

Infine il candidato sindaco: il nostro obiettivo primario – ha esordito l’ex presidente dell’Amministrazione provinciale – è quello di connettere le diversità ad un grande progetto territoriale. Dobbiamo e vogliamo trovare le energie per fare del Mezzogiorno un Mezzogiorno operoso e competitivo. E al centro di queste forze – ha sottolineato un passionale Nardone – c’è il bene comune!

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628