Raia Immobiliare Edil Appia Edil Flex Mercatino Streghe Mercatino Streghe Amplifon

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

De Zerbi: “Nessuno ha mollato. Domani proveremo a vincere”

Scritto da il 17 marzo 2018 alle 18:56 e archiviato sotto la voce Calcio, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Queste le dichiarazioni del tecnico del Benevento Roberto De Zerbi, alla vigilia del match tra Benevento e Cagliari.

“Sono tutte ultime spiagge, ma siamo abituati a questa situazione. Dovremmo viverle tutte così, come se fossero ultime spiagge, per mettere dentro tutto. Sono tranquillo, cerco di lavorare sempre al massimo. Ho in testa solo il Cagliari e non la partita precedente. I ragazzi hanno fatto un’ottima settimana di lavoro.
SANDRO – Si è allenato bene e questa settimana si è aggregato. Anche D’Alessandro è stato convocato. L’unico dubbio è Sagna perché si è fermato per un affaticamento. Iemmello pure si è fermato per un riacutizzarsi del problema e quindi questa settimana non c’è. Speriamo di riaverlo alla prossima perché ci sta mancando parecchio.
CAGLIARI – E’ una squadra aggressiva. I calciatori presi singolarmente sono forti e mi riferisco a Barella, Pavoletti, Romagna. Cercheremo di fare la nostra partita senza paura.
A Firenze abbiamo fatto un buon secondo tempo e abbiamo perso per l’ennesimo calcio piazzato. Adesso abbiamo iniziato a giocare anche a uomo sui calci piazzati. Evidentemente è un problema generale. Bisognava essere più determinati.
Il modulo dipenderà anche dalla partita che ne verrà fuori.
Senza Sandro siamo meno sicuri? Sicuramente la sua presenza sposta gli equilibri, ma non deve essere determinante negli eventi negativi. Anche perché Sandro non copre tutti i posti. E’ vero che un giocatore di personalità e leadership può essere determinante ma dobbiamo mettere tutti qualcosa in più. La maggior parte delle sconfitte sono arrivate su palla inattive.
TIFOSI – I tifosi stanno dando più del 100% perché ci sono stati sempre vicini in casa e in trasferta. Credo che loro siano delusi per la prima parte di gara a Firenze. Nella ripresa abbiamo però fatto molto di più e sfiorato il pari con Djuricic. Però non c’è molto da parlare ma da fare bene.
In difesa dovrebbero giocare Djmsiti e Tosca. Se dovesse mancare Sagna vedremo come metterci.
Da Cagliari a Cagliari, togliendo Verona, se la salvezza è a 40 punti, e dunque a 20 a metà girone, con solo 10 punti non posso sentirmi soddisfatto, al di là di tutti gli episodi che ci hanno tolto qualcosa.
DICHIARAZIONI FIRENZE – Non mi faccio inghiottire dalle polemiche. Ho sempre cercato di portar rispetto a tutti. La squadra l’ho sempre difesa perché ho un forte senso di appartenenza. Ma a Firenze non si poteva giocare perché c’era disagio. Che poi è smarrito un po’ nella ripresa. Riguardo l’altra frase, quella sulla retrocessione, volevo solo dire che non mi va di avere favori, né di sfruttare delle situazioni. Sia a me che al Benevento nessuno ci ha regalato nulla. Se la Fiorentina non avesse voluto giocare, noi non ci saremmo opposti. Ho esasperato il concetto, ma mi farei uccidere prima di retrocedere perché ci metto dentro tutto. Sono rimasto deluso perché a volte il risultato sembra andare oltre anche certe situazioni. Ho voglia domani di tornare a casa con i tre punti e vedere quanto i nostri rivali faranno.
Nessuno ha mollato. Questa settimana è stata intensa e una delle migliori come lavoro e attenzione. Ho avuto risposte positive dai ragazzi.

di Edoardo Porcaro

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628