Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Rocca, parcelle dei difensori esterni dell’Ente

Scritto da il 30 marzo 2017 alle 18:05 e archiviato sotto la voce Attualità, Foto, Lavoro. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Rocca, parcelle dei difensori esterni dell’Ente

Il legale libero professionista incaricato di difendere in giudizio la Provincia di Benevento dovrà contrattare la propria parcella per i servizi resi.
Lo ha precisato il Segretario Generale dell’Ente, Franco Nardone, che in tal senso ha emanato una direttiva interna a tutti gli Uffici e Servizi.
Fino ad oggi la spesa per la difesa in giudizio dell’Ente veniva quantificata in misura solo approssimativa nel provvedimento di affidamento ad un legale esterno, cosicché, alla conclusione del mandato, venivano talora presentate parcelle con importi anche molto superiori a quelli indicati in origine.
Il Segretario Nardone nella sua direttiva ha sottolineato che le somme eccedenti la spesa prevista per la difesa in giudizio debbono essere considerate debiti fuori Bilancio con tutte le conseguenze del caso.
La disposizione, finalizzata a garantire gli equilibri di Bilancio e la trasparenza nella gestione degli incarichi legali a professionisti esterni dell’Ente, richiama numerose pronunce di alcune Sezioni Regionali della Corte dei Conti.
Infatti, la Magistratura contabile, pur riconoscendo che, a ragione dell’imprevedibilità dell’andamento di una causa, non possa precisamente quantificato, all’atto della individuazione, l’onorario di un avvocato esterno, sancisce tuttavia che il professionista, al termine del processo, non possa essere lasciato libero di determinare il corrispettivo della propria prestazione.
Insomma, la Corte dei Conti, ha ricordato il Segretario Nardone, ritiene necessario che l’affidamento dell’incarico avvenga contestualmente alla presentazione di un preventivo di spesa con la contrattazione della tariffa da applicare nel rispetto dei minimi tariffari inderogabili. Secondo la Magistratura contabile, eventuali aumenti di spesa per la difesa possono essere accordati alla controparte, cioè appunto all’avvocato difensore esterno, solo nei limiti dell’utilità dell’arricchimento accertato e dimostrato dell’Ente ovvero solo se interviene “una giusta causa”.
E’ da notare che, proprio a poche ore dalla firma di questa direttiva del Segretario Generale, un Giudice, pronunciandosi su una controversia insorta tra un avvocato esterno e la Provincia circa l’entità di una parcella presentata dal professionista, ha riconosciuto al ricorrente solo circa ¼ della propria pretesa, consentendo dunque all’Ente un notevole risparmio di spesa.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628