Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Benevento Calcio, Baroni: “Con la Fiorentina dobbiamo fare risultato”

Scritto da il 19 ottobre 2017 alle 18:44 e archiviato sotto la voce Calcio, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Nella sala stampa del centro sportivo di Paduli, il tecnico del Benevento Marco Baroni ha risposto così alle domande dei giornalisti.
“Siamo consapevoli della situazione di classifica in cui siamo. Abbiamo fatto un’analisi della situazione e di ciò che non sta funzionando. Togliendo Napoli, Roma e Crotone, tutte le altre gare le abbiamo perse per un gol. Sono stati fatali gli errori. Avremmo meritato qualcosa in più, ma avremmo dovuto fare più attenzione.
Abbiamo bisogno di tutto in questo momento: del pubblico, della fiducia, del risultato. Sulla mente dei giocatori devi sempre lavorare, anche quando le cose girano bene. Adesso, però, è necessario compattarsi e crederci, perché solo in questo modo si può uscire da questa situazione.
INFORTUNATI – Di Chiara è andato a Roma per accertamenti, ma la situazione è tranquilla. Già domani sarà a disposizione. Parigini ha un trauma distorsivo. Stessa cosa per Ciciretti che si è infortunato nell’allenamento di martedì. Mentre Costa e D’Alessandro stanno facendo lavoro differenziato. Stiamo monitoriamo quotidianamente la situazione, sperando di recuperare almeno uno dei due. Lombardi, invece, è solo affaticato. Ha terminato la partita col Verona con i crampi. Gli ho fatto fare un po’ di lavoro differenziato e oggi non l’ho voluto rischiare nella partita d’allenamento.
Devo valutare chi è possibile recuperare e in base a questo pensare al modulo da usare in campo. Sono fiducioso sia per D’Alessandro che per Ciciretti.
SCELTE TECNICHE – Non è vero che Belec ha rifiutato la panchina. Non l’ho visto sereno e ho portato Piscitelli in panchina. Ma Belec si è sempre allenato bene. E’ stata semplicemente una scelta tecnica.
Dopo l’espulsione di Antei, ho preferito mettere Venuti a fare il centrale di difesa e non Gravillon perché, quest’ultimo è un giocatore molto giovane che si affaccia in un palcoscenico importante per la prima volta e inoltre non ha ancora la tenuta della partita. Mentre Venuti può giocare anche al centro della difesa. Poi conosce il mio modo di lavorare e ha ricoperto il ruolo con convinzione e questo mi dà garanzie. Inoltre, Gyamfi, da esterno, ha fatto un buon esordio. E’ entrato con determinazione e coraggio.
La scelta di tenere fuori Viola è dipeso dal fatto di voler avere maggior dinamicità e velocità in mezzo al campo e ho preferito inserire Chibsah.
MODULO TATTICO – Col 4-4-2 forse si perdeva qualcosa sul piano del palleggio, che abbiamo recuperato, insieme all’equilibrio, coi tre centrocampisti.
Quello in cui pecchiamo in questo momento è sull’ultimo passaggio. Siamo poco lucidi. Sbagliamo tanto. E quando ciò accade non si arriva a concludere, a tirare in porta. Poi è necessario mettere più palloni dentro l’area. Così come fatto con l’Inter, che ha permesso a D’Alessandro di segnare.
FIORENTINA – E’ una squadra pericolosa. Loro hanno giocatori in grado di fare la differenza. Sono partiti male, ma sono in miglioramento. Nell’ultima gara con l’Udinese hanno fatto bene. Noi dobbiamo guardare a noi stessi e scendere in campo con convinzione e determinazione se vogliamo fare risultato. E’ chiaro che Ciciretti e D’Alessandro sono pedine importanti per noi. Come lo è Antei. Ma bisogna giocare anche senza gli assenti. Ci sono diversi giocatori che sono in crescita come Iemmello.
Con la Fiorentina dobbiamo fare risultato, cercando quell’emozione che ci è stata tarpata dopo il gol annullato contro il Bologna.”

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628