Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Benevento Calcio, De Zerbi: “Una vittoria darebbe convinzione ai ragazzi”

Scritto da il 17 novembre 2017 alle 18:37 e archiviato sotto la voce Calcio, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Il tecnico del Benevento, Roberto De Zerbi, ha parlato della sfida al Sassuolo, in programma domenica alle 15 al ‘Ciro Vigorito’. Ha fatto un po’ il punto della situazione, parlando della partita come una gare che mette in palio tre punti, ma che non preclude niente. Da dover giocare senza l’ansia di fare necessariamente risultato, per non caricare più del dovuto una squadra che vede ancora fragile da un punto di vista mentale. Possibilmente da vincere, per il morale, per dare convinzione a un gruppo che ha tutte le carte in regola, al netto degli infortuni, per riuscire a salvarsi.
Queste le parole del trainer bresciano.
“Stiamo lavorando soprattutto sotto l’aspetto mentale – ha spiegato De Zerbi – che è quello che determina tutto. Ma è anche vero che l’aspetto fisico conta tanto, perché se in campo non hai gambe, non corri e non ottieni i risultati.
Stiamo lavorando anche sull’aspetto tattico. Saper occupare bene il campo, giocando a 3 o a 4, è un processo che deve avvenire in fretta”.
SISTEMA DI GIOCO – “In generale, non parto con un sistema di gioco prestabilito. Mi adeguo alle caratteristiche dei calciatori che ho. L’idea di gioco, però, resta la stessa sia che siamo a 3 in difesa che a 4. La scelta chiaramente dipende anche dal recupero di alcuni calciatori come Costa e lo stesso Antei, quest’ultimo con ancora un problema al tendine. Inoltre, mi piace anche vedere una squadra che si adatta all’avversario.”
TIPO DI PARTITA – “In campo voglio vedere una squadra capace di dare tutto senza paura e senza pensare alla classifica. Voglio che abbia la convinzione che, al completo, migliorando mentalmente, fisicamente e tatticamente, se la possa giocare con tutti.
Col Sassuolo possiamo giocarcela alla pari, se il piglio è quello giusto. Ossia se si gioca con coraggio, dando tutto e voglia di fare bene.”
CONVINZIONE – La convinzione passa attraverso i fatti. E’ il pensiero del tecnico: “A Cagliari – sostiene – abbiamo messo sotto una squadra con 12 punti che, per organico, non dovrebbe neppure lottare per la salvezza. Con la Lazio, se facevamo il secondo gol l’aprivamo. E a Torino abbiamo rischiato di fare il 2-2. Questa è la realtà dei fatti. E con i rientri di Costa, D’Alessandro e Antei si possono spostare gli equilibri”.
Un breve passaggio è stato fatto pure sulla posizione che D’Alessandro potrebbe ricoprire:
D’ALESSANDRO – “E’ un giocatore di fascia e tra le linee non è proprio il suo habitat. E’ intelligente e sa adattarsi. Però lì prediligo altri giocatori come Ciciretti, Cataldi e Memushaj.”
Poi si è parlato della sfida di domenica, della squadra e della possibilità di salvezza.
SASSUOLO – “Fare punti col Sassuolo sarebbe importante per i ragazzi: una convinzione delle loro potenzialità. Ma prima dobbiamo creare i presupposti affinché questo avvenga. Iniziando col non piangersi addosso. Il Benevento se la può giocare alla grande senza portarsi dietro tutte le responsabilità. Vincendo si potrebbe vedere tutta un’altra squadra”.
SCETTICISMO INIZIALE – “So che c’è stato dello scetticismo nei miei confronti. Mi accorgo di quello che succede perché vivo tutto al 100%. Ma la cosa che conta, in questo momento è stare vicino alla squadra e convincerla che ce la possa fare, così come è capitato al Crotone e ad altre squadre in passato. Che ciò possa capitare bisogna pensarlo sempre. Deve essere l’ultimo pensiero prima di andare a dormire e il primo quando ci si sveglia”.
SQUADRA – “E’ un gruppo di calciatori molto intelligente, delle persone perbene e dei professionisti perfetti, che ha voglia di seguirmi. E’ chiaro che la sfida di domenica è una gara da tre punti, da vincere, ma non dobbiamo pensare a troppe cose perché c’è da capire se siamo usciti da una fase buia. Non preoccupatevi che quando ci sarà da caricare la partita sarò io il primo a dirvelo!”
IEMMELLO – “Ha un problema al ginocchio che si trascina. In questo momento occorre gente che stia al 100%.”
PUBBLICO – “E’ la squadra che deve fare il primo passo verso di loro se lo vuole accanto. Così come accaduto nella mezz’ora contro la Lazio. Questo pubblico è trascinante, sta a loro coinvolgerlo.”
di Edoardo Porcaro

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628