Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Milan, Gattuso: “Dobbiamo migliorare dal punto di vista fisico e mentale”

Scritto da il 3 dicembre 2017 alle 16:35 e archiviato sotto la voce Calcio, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Non è soddisfatto di come è andata la gara il neo tecnico del Benevento Gennaro Gattuso.
Queste le sue dichiarazioni a fine gara nella sala stampa del Vigorito.
Sto lavorando da una settimana con i ragazzi e abbiamo fatto dei carichi. Quando non stai bene fisicamente non lo sei neppure psicologicamente. Il lavoro che ho chiesto alla squadra di aiutarsi in campo e di chiudere le linee di passaggio è molto dispendioso.
Oggi abbiamo cercato di portare i punti a casa contro una squadra che non merita questa posizione in classifica. Quello che abbiamo fatto chiaramente non basta, bisogna fare di più.
Non ho fatto entrare gli attaccanti perché non riuscivamo a portare la palla avanti con i centrocampisti. Ci riuscivamo solo con Kessie. Ho messo un difensore perché c’eravamo un po’ abbassati e volevamo portare la partita a casa.
Le partite le sento tutte. Le vivo tutte con grande veemenza. Forse neppure mi sono accorto che mi ero tolto la giacca.
Era da settembre forse che non si faceva gol su azione. Sappiamo che dobbiamo migliorare sul piano del palleggio e sulle verticalizzazioni.
ESPULSIONE ROMAGNOLI – Non ho visto le immagini e non posso giudicare, ma non mi piace giudicare il lavoro degli arbitri. Mi sono arrabbiato su un fallo precedente su Kalinic.
LAVORO – Oggi ho visto molte cose positive come la voglia di far bene. In questo momento voglio far capire che il lavoro paga. Non serve rimproverare i ragazzi ma fare gruppo. Oggi li ho visti disperati nello spogliatoio dopo il pareggio.
SPIRITO – Ho visto una squadra che non ripartiva perché non ne aveva più. Abbiamo sbagliato delle uscite nel fianale e abbiamo subito gli avversari, anche per paura. E’ venuta un po’ meno la convinzione. Potevamo giocare, ma abbiamo smesso di farlo. E anche su questo aspetto dobbiamo migliorare per evitare quello che è successo oggi.
La condizione fisica va di pari passo con la testa. Se hai gamba vai avanti e indietro più volte senza pensarci. Se oggi avessimo vinto avremmo avuto maggior convinzione. La vittoria non è arrivata e dobbiamo continuare a lavorare e migliorare.
Il gol del portiere? In carriere ne ho viste tante, ma di subire gol dal portiere non mi era ancora capitato. Eppure questa partita l’ho sognata. Con oggi il Milan ha pareggiato 4 partite con le neo promosse e perse 6.
Questa partita la temevo, anche per la legge dei grandi numeri. Il Benevento poi è una squadra viva e non merita la classifica che ha.
Inutile pensarci adesso. Bisogna andare avanti e migliorare, limando gli errori.Il pareggio brucia ma bisogna guardare avanti.

di Edoardo Porcaro

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628