Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Riceviamo e pubblichiamo

Scritto da il 28 gennaio 2015 alle 18:40 e archiviato sotto la voce Attualità, Primo Piano. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Da una nostra lettrice, Carmela Caruso, riceviamo e pubblichiamo:

‘Sono una cittadina beneventana da diverse generazioni ed è, in questa occasione, mio vivo desiderio di dare libero sfogo al dolore di figlia e manifestare, nel contempo, il più profondo disgusto verso le nostre attuali istituzioni. Vengo al dunque. Martedì, 20 gennaio, è deceduto mio padre. Insieme ai miei congiunti ci siamo attivati, come d’uso in queste circostanze, di contattare una locale imprese di pompe funebri. Dovendo attendere dei nostri congiunti nella mattinata di mercoledì che venivamo da lontano, abbiamo cercato di far tenere il funerale il pomeriggio di quel giorno. Il titolare dell’impresa di pompe funebri, però, ci ha spiegato che questo desiderio non poteva essere esaudito in quanto il cimitero, da qualche mese, è chiuso il mercoledì pomeriggio. Per questo, nostro malgrado, senza attendere l’arrivo dei nostri parenti, abbiamo dovuto, comunque, celebrale il funerale mercoledì mattino. A questo punto, mi sorge spontanea una domanda e, con precisione, se sia d’obbligo che noi persone comuni dobbiamo stabilire, per forza di cose, un filo diretto con il paradiso al fine di non subire la beffa anche nel momento dell’ultimo viaggio da parte del burocrate di turno. A Moschella, pubblicamente, è mia intenzione chiedere quale sarebbe il suo stato d’animo qualora, suo malgrado, si venisse a trovare nella stessa situazione in cui ci siamo trovati noi e, purtroppo, si stanno trovando, in questo periodo, tanti concittadini. O, forse, lui, dall’alto della sua autorità, non avrà mai problemi di questo tipo ? Sono Situazioni gravissime che il comune mortale non è ammesso che provi nel momento del dolore. La burocrazia non può offendere sino a tanto a sofferenza della gente comune ed inerme. Chiudo questo mio sfogo dando a Moschella un consiglio tanto amichevole. Vada a leggere, se non lo ha fatto sino ad oggi, la poesia del grande Totò, la ben nota ” A livella” e, forse, solo così capirà, in un solo attimo, quanto ho inteso dire’.

Carmela Caruso

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628