Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Calcio, Benevento – Catanzaro 1-0: decide Melara al 10′ della ripresa.

Scritto da il 24 ottobre 2015 alle 20:33 e archiviato sotto la voce Calcio, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Giornata numero 8 del girone C di Lega Pro, in campo Benevento contro Catanzaro. I sanniti chiamati a vincere per non perdere distacco dalla testa della classifica. Calabresi in cerca di punti per risalire in fretta la classifica.
Queste le formazioni
BENEVENTO (3-4-3): Gori; Padella, Lucioni, Mattera; Melara, Del Pinto, De Falco, Mazzarani (1’ st Campagnacci); Mazzeo (24’ st Som), Cissè (31′st Di Molfetta), Marotta
A disposizione: Piscitelli, Mucciante, Bonifazi, Bianco, Pezzi, Porcaro, Ciciretti, Troiani
Allenatore: Loreno Cassia (per la squalifica di Gaetano Auteri)
CATANZARO (4-5-1): Grandi; Ricci, Moi, Orchi (20′st Taddei), Squillace; Bernardi, Agnello, Maita (1’ st Ingretolli), Foresta (25’pt Giampà), Mancuso; Razzitti
A disposizione: Scuffia, Sirigu, Caselli, Selvatico, Caruso, Fulco, Agodirin
Allenatore: Salvatore D’Urso
Arbitro: Andrea Mei di Pesaro
Assistenti: Manuel Giuliani di Teramo e Michele Pizzi di Termoli
RETE: 10′st Melara (B)
Ammoniti: Maita (C); Som (B)
Angoli:5-3
Recupero: 2’pt; 3′st

CRONACA DELLE EMOZIONI
PRIMO TEMPO
Al 5’ Applausi della tifoseria sannita alla curva calabrese che espone lo striscione “Solidali con la città di Benevento”. Bel gesto di vicinanza dei tifosi del Catanzaro alla città sannita per le vicissitudini che l’hanno colpita.
Al 10’ Prima occasione per il Benevento. Capita sui piedi di Cissè, ma Grandi neutralizza in due tempi la conclusione della punta giallorossa.
Al 15’ Grandi dice di no anche a Mazzeo. L’attaccante salernitano mira all’angolino più lontano ma il portiere ospite ci arriva in tuffo.
Al 25’ Primo cambio per il Catanzaro: Foresta deve lasciare il campo, al suo posto Giampà
Al 30’ Si gioca ad una sola porta. E’ il Benevento a fare la partita. Il Catanzaro si difende con ordine, provando qualche ripartenza.
Al 40’ Cissè riceve una buona palla in area, controlla, si gira ma non inquadra lo specchio.
Al 41’ Altro scambio dei giallorossi al limite dell’area ospite con Cissè che scarica per Del Pinto, il cui esterno è da dimenticare.
Al 44’ Del Pinto serve palla a Mazzeo che, dalla distanza, scarica in porta: si distende e respinge Grandi.
Al 45’ Saranno 2 i minuti di recupero.
Benevento padrona del campo, ma la manovra dei sanniti è lenta e prevedibile. Gli uomini di Auteri hanno provato con qualche conclusione da fuori, ma con questi ritmi e contro il 4-5-1 schierato dal tecnico D’Urso si fa molta fatica. Bisogna accelerare, specie sulle corsie esterne, se si vuole scardinare la difesa ospite.

SECONDO TEMPO
Due cambi già dall’avvio. Uno per parte. Nel Benevento entra Campagnacci per Mazzarani. Nel Catanzaro Ingretolli rileva Maita.
1’ Primo angolo della partita. Lo batte il Catanzaro. Dalla bandierina Agnelli per la testa dell’accorrente Ricci che non trova la porta.
Al 9’ Angolo di Campagnacci dalla sinistra per la testa di Padella: blocca Grandi.
Al 10’ Gol del Benevento. Cissè apre sulla destra per Melara che entra in area e scarica un gran destro sotto l’incrocio. Non può nulla Grandi. Giallorossi di casa meritatamente in vantaggio.
Al 17’ Prova a reagire il Catanzaro scodellando in area palloni. Attenta la retroguardia di casa.
Al 20’ ultimo cambio per il Catanzaro: in campo Taddei per Orchi. D’Urso passa al 4-4-2. Coppia d’attacco: Razzitti, Ingretolli.
Al 24’ Nel Benevento entra Som per Mazzeo. In attacco scala Campagnacci, con Som sull’out sinistro.
Al 25’ prova a fare tutto da solo Marotta: tiro centrale, blocca l’estremo difensore del Catanzaro.
Al 28’ I tifosi di casa rispondono allo striscione dei sostenitori del Catanzaro esposto ad inizio gara. Questo il testo “Davanti alla solidarietà non esiste rivalità. Giù il cappello per chi del calcio mostra il lato più bello …” Appalaude la curva ospite.
Al 34’ azione di De Falco che si libera sulla trequarti di un avversario e calcia in porta. Si salva in angolo Grandi.
Al 45’ Ingretolli ruba pericolosamente palla al limite dell’area. Sulla conclusione ci mette un piede Lucioni.
Al 47’ Concessa una punizione pericolosa al Catanzaro. Ammonito Som nella circostanza entrato in contatto con Ingretolli. Dalla
Al 48’ Brivido per il Benevento. Sulla punizione di Taddei, Gori ci mette i pugni ma la sfera sbatte sulla traversa. Brava poi la difesa giallorossa ad allontanare
Nella ripresa il Benevento ha cambiato passo e ha sbloccato la partita. Il Catanzaro si è visto solo ad inizio del secondo tempo e nel finale con un brivido che ha fatto tremare la porta dei padroni di casa.
Di Edoardo Porcaro

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628