Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Alla Biblioteca Provinciale mostra ‘Le marche tipografiche del Fondo Gesuitico”’

Scritto da il 19 marzo 2015 alle 12:55 e archiviato sotto la voce Attualità, Cultura & Spettacoli. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Martedì 24 marzo 2015 alle ore 10,30 sarà inaugurata presso la Biblioteca Provinciale “Antonio Mellusi” di Benevento la mostra bibliografica dal titolo “Le marche tipografiche del Fondo Gesuitico”.

Lo comunica il Presidente della Provincia di Benevento Claudio Ricci che ha promosso l‘evento che è stato curato dalla Epsilon S.c.a.r.l.

L’esposizione, attraverso una rassegna dilibri antichi datati dal XVII al XVIII secolo, rappresenta un ulteriore tassello della programmazione annuale dell’Istituto culturale di Corso Garibaldi. L’appuntamento è significativo perché offre una testimonianza rilevante dei tesori posseduti nei fondi librari dalla Biblioteca Provinciale di Benevento.

Con la mostra Le marche tipografiche del Fondo Gesuiticoil visitatore potrà visionare due distinti tesori di questo patrimonio: la marca tipografica, che è un’illustrazione stampata sul frontespizio di un libro, un vero e proprio logo; e una dotazione di oltre mille volumi provenienti dall’antica biblioteca dell’ex Collegio dei Gesuiti.

Questi ultimi, costituenti appunto il “Fondo Gesuitico” furono nel 1810 trasferitinella biblioteca del Liceo del Principato di Tayllerand, istituito dai francesi ai tempi dell’occupazione bonapartista della città. Successivamente, quel Liceo divenne ilRegio Liceo Ginnasiale “Pietro Giannone”.

Questi libri seguirono le alterne vicende dei Padri Gesuiti e degli Scolopi, educatori in Benevento, presso il Liceo Classico fino a quando, nel 1939, su sollecitazione di Alfredo Zazo, giunsero alla Biblioteca Provinciale. IlFondo Gesuitico, composto per lo più da opere ascetiche e morali, è stato recentemente oggetto di catalogazione informatizzata e pertanto è stato resi accessibile “on line” ad un pubblico più vasto.

La mostra Le marche tipografiche del Fondo Gesuiticoha carattere divulgativo e gli esemplari esposti, per lo più edizioni di area veneziana, rappresentano un’introduzione allo studio delle marche tipografiche antiche, affinché siano fruibili anche da un pubblico di non specialisti. Attraverso l’uso di pannelli didascalici, Epsilon S.c.a.r.l presentata al visitatore una breve storia dell’evoluzione delle marche nei secoli e delle figure dei più importanti stampatori-tipografi attivi fra Sei e Settecento.

La marca tipografica, come si diceva, è un’illustrazione incisa sul frontespizio o nel colophon, contenente una vignetta figurata e accompagnata, spesso, da iniziali o motti che ne completano il significato. Questo marchio identificava l’editore o il tipografo che aveva pubblicato l’opera e con il tempo divenne una vera e propria “griffe” pubblicitaria rappresentativa della qualità del prodotto stampato. Fino al 1530 le marche sono a forma di cerchio e croce, talvolta personalizzate dalle iniziali del tipografo, ma è con il Rinascimento che si assiste a una grande fioritura e varietà di significati attraverso figure allegoriche, mitologiche, animali fantastici e oggetti scientifici. Nel Seicento e nel Settecento il carattere decorativo della marca si amplifica, tanto che inizia ad occupare buona parte del frontespizio e si arricchisce sempre più di particolari.

Tra le più celebri marche esposte, spiccano quella della nota famiglia di tipografi-editori dei Giunta che adottarono il giglio, emblema di Firenze, in numerose e varie figurazioni, in omaggio alla loro città di origine, ma anche l’aquila bicipite con una corona tra le due teste in cornice figurata, simbolo di forza e potere sovrano, di Paolo Baglioni, fra i più potenti editori veneziani, nonché gli animali fantastici, fenici e salamandre, emblemi di longevità e resurrezione di Giovanni Manfrè e dei Varisco, in un patrimonio di immagini incise su rame di raffinata esecuzione artistica.

L’esposizione sarà aperta al pubblico durante gli orari ordinari della biblioteca dal 24 al 27 marzo 2015, con un’apertura straordinaria i giorni 28 e 29 marzo 2015 dalle 18,00 alle 20,00.

Le Scuole potranno prenotare una visita guidata inviando una e-mail al seguente indirizzo: mediateca@provinciabenevento.it.

Il Presidente della Provincia Ricci, nel ricordare che il lavoro di Epsilon e della stessa Biblioteca Provinciale è in particolare rivolto in questi mesi proprio agli allievi degli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado, si augura che la mostra Le marche tipografiche del Fondo Gesuitico” trovi la più calda e cordiale accoglienza di pubblico.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628