Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Rocca, Santamaria (Udc) su primi decreti presidenziali assunti da Ricci

Scritto da il 31 ottobre 2014 alle 17:23 e archiviato sotto la voce Attualità, Politica. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

“L’attuale momento politico ed istituzionale che vive il paese e la provincia di Benevento in particolare avrebbero dovuto suggerire al neo presidente della provincia maggiore rigore e prudenza negli atti da assumere ad avvio di questa nuova esperienza amministrativa, invece assistiamo alle classiche manovre per continuare a spendere e spandere ed accontentare amici e sodali a discapito dei cittadini contribuenti.”

Questo il commento del segretario provinciale e componente della direzione nazionale dell’UDC, Gennaro Santamaria, alla notizia dei prima decreti presidenziali assunti da Claudio Ricci e che prevedono l’assunzione di nuove figure dirigenziali e di staff all’interno dell’amministrazione provinciale.

“In una fase caratterizzata da tagli e rigore economico per tutti gli Enti – prosegue nel suo commento Santamaria – davvero si fa fatica a capire per quale ragione sia necessario aggravare di un costo così notevole  un Ente che tra le altre cose, così come tutto il sistema delle autonomie locali, sta subendo tagli notevoli nei trasferimenti di risorse da parte dello Stato centrale. Tra le altre cose, come a tutti noto, le Province, se il disegno costituzionale sarà portato a compimento, tra qualche anno saranno destinate a scomparire. In questo senso, così come evidenziato in questi giorni da più parte, la legge di stabilità in discussione in parlamento prevede il divieto assoluto, da parte delle Province, ad effettuare assunzione con queste procedure. E’ davvero deplorevole – rimarca ancora di più il segretario provinciale dell’UDC – che un’amministrazione che ha nella sua maggioranza e nel suo presidente esponenti dello stesso partito del premier che sta portando avanti con tenacia tali provvedimenti, assumano atti finalizzati ad eludere tali previsioni normative. Insomma, siamo alle solite, il PD Beneventano continua a considerare le istituzione locali lo strumento per accontentare amici e sodali per scopi esclusivamente clientelare. Infatti, stesso ragionamento vale per il Comune capoluogo dove, al pari della provincia, si sta cercando di fare una nuova infornata di dirigenti per occupare, prima della dipartita dell’amministrazione Pepe, i posti chiave dell’Ente e continuare a mantenere, attraverso questi, il controllo futuro dell’amministrazione. Per entrambi gli Enti, se si fosse voluto ridurre i costi e valorizzare le figure professionali interne, bastava variare il regolamento degli uffici e dei servizi e riorganizzare la macchina amministrativa prevedendo pochi dipartimenti, affidati a figure dirigenziali, al di sotto dei quali prevedere settori affidati ai validi funzionari in servizio presso i due Enti. Purtroppo – conclude Santamaria – siamo costretti ad assistere a questo squallido spettacolo che porterà qualche amichetto dei potenti di turno a guadagnare laudi stipendi dirigenziali (si consideri che una figura dirigenziale costa all’Ente intorno ai duecentomila euro tra stipendio ed oneri previdenziali a carico dell’amministrazione) e ai nostri concittadina a dover versare maggiori tasse e imposte locali per consentire a questi signori di fare i propri comodi.”

 

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628