Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

S.Martino Sannita,Trofeo Le Surte: successo per la prima edizione

Scritto da il 30 luglio 2013 alle 20:18 e archiviato sotto la voce ciclismo, Sport. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Un buon successo ha caratterizzato la prima edizione del Trofeo Le Surte valida come ottava prova dell’X-Cross Campania, organizzato dal Velo Club San Giorgio Cicli Serino Sport Since 1975 in collaborazione con il Comune di San Martino Sannita e la Pro Loco Le Surte che si è disputato domenica scorsa sulle colline beneventane.

Un lungo e certosino lavoro preparatorio fatto dalla società ciclistica sangiorgese, in particolare dai componenti la sezione Mountain Bike insieme alla Civica Amministrazione e l’impegno della Pro Loco di San Martino Sannita con la messa a disposizione dei propri locali e le proprie strutture. Questo impegno ha permesso agli ospiti di trovare un ambiente accogliente e confortevole giornata. 

A tenere a battesimo il Trofeo La Surte, la gradita presenza del neo professionista della Bardiani Valvole Csf-Inox Donato De Ieso, l’atleta classe 1989 di Pago Vejano reduce dalla trasferta in terra di Cina al Tour of Qinghai Lake chiudendo in 45esima posizione in classifica generale.

I servizi messi a disposizione dei biker partecipanti oltre ai punti di ristoro ed una particolare cura dei servizi di sicurezza, hanno caratterizzato la manifestazione. Infatti presso lo stand della Printer Your Life,  era possibile ritirare immediatamente le foto scattate nel corso della gara. Come pure era possibile bere un piacevole e fresco bicchiere di birra per conciliare il caldo della giornata. Al termine della gara i concorrenti hanno utilizzato le docce dell’impianto sportivo prima di portarsi negli spazi della pro loco per il pasta-party. Presso gli stessi spazi era in funzione un  banco caffè.  Tutto è stato possibile anche grazie alla collaborazione di numerose aziende artigiane locali che hanno messo a disposizione degli organizzatori, prodotti e strutture.

La giornata è stata caratterizzata da un caldo africano che ha messo a dura prova sia i concorrenti, sia il numeroso personale di servizio. Nonostante i 450 metri di altitudine s/lm della località di gara immersa nel verde di boschi secolari, il caldo non ha risparmiato i 65 partenti  tanto da indurre la Giuria, in accordo con gli organizzatori, a ridurre di quasi cinque chilometri il percorso (un giro finale in meno).

Prima che il sindaco Angelo Ciampi abbassasse la bandiera a scacchi, Paolo Serino, nelle vesti di speaker per l’occasione, invitava i presenti ad osservare un minuto di silenzio per onorare la Memoria del giovane motociclista Andrea Antonelli, recentemente scomparso e ricordato così su tutti i campi di gara  prima di ogni manifestazione che si svolgesse in Italia.

Due raggruppamenti per la partenza: prima gli adulti ed a seguire gli allievi ed esordienti; non faceva in tempo ad abbassarsi la bandierina che nelle retrovie del gruppo si registrava l’unica caduta della giornata. Niente di grave e tutti riuscivano a rimontare prontamente in sella per accodarsi ed affrontare la prima salita della giornata che portava verso la collina di Lentace. Successivamente i concorrenti transitavano tra i ruderi di una antica chiesa rupestre, sulla sommità della Madonna per poi attraversavano il piazzale della Chiesa dell’Angelo  prima di ritornare nuovamente sulla zona partenza dove era fissato anche lo striscione d’arrivo.

Da qui i concorrenti affrontavano a folle velocità la  parte cruciale del percorso, tracciato tra sentieri in terra battuta, su un terreno che presentava continui saliscendi immersi nella pace di una fitta e verde vegetazione, abitata anche da colonie di cinghiali, visti nei giorni precedenti dagli addetti ai lavori che operavano sul percorso. Per attraversare il torrente Mele gli organizzatori avevano costruito per l’occasione, un ponte in legno.

Il suono della campana segnava l’inizio dell’ultimo giro  ed a questo punto, stremati soprattutto dal caldo, i partecipanti affrontavano per l’ultima volta il passaggio nel centro storico di San Martino Sannita, prima di portarsi allo striscione d’arrivo e dare l’assalto alle bottigliette d’acqua poste oltre la riga bianca.

Il Veloclub Sangiorgio Cicli Serino Sport Since 1975  ha schierato ai nastri di partenza ben dieci partecipanti. A tenere alto il buon nome della società organizzatrice, Marco Voli che si piazzava  settimo della generale e terzo di categoria. Soddisfatti anche gli organizzatori con a capo il presidente Arnaldo Pedicino con i suoi più stretti collaboratori, Paolo Serino e lo stesso Marco Voli: segno questo che, quando si individuano le giuste sinergie, il successo è d’obbligo.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628