Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Irpinia, pullman giù dal viadotto: 39 morti e 9 feriti

Scritto da il 29 luglio 2013 alle 11:26 e archiviato sotto la voce Cronaca, Primo Piano. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Trentanove morti e 9 feriti. Questo il terribile bilancio dell’incidente evvenuto nella tarda serata di ieri
sull’A16 (tra Monteforte e Baiano).

Il bus è precipitato dopo aver urtato altre vetture. Quattro delle vittime sono decedute in ospedale (due persone sono morte nell’ospedale Moscati di Avellino e due in quello di Solofra), dove erano state ricoverate. Dei feriti alcuni sono in gravi condizioni. Tre sono bambini.I corpi estratti dalle lamiere sono stati portati nella palestra del comune di Monteforte Irpino (Avellino) per il riconoscimento da parte dei familiari.  

Sull’autobus c’erano chi aveva deciso di trascorrere un fine settimane al complesso termale di Telese Terme (Benevento). Una gita che ieri ha previsto una tappa anche a Pietrelcina, nei luoghi di Padre Pio. Ad organizzare la gita «come sempre», raccontano amici e parenti, era stato Luciano Caiazzo, salumiere di Pozzuoli (Napoli) che, neanche un mese fa, aveva compiuto 40 anni e che è fra le vittime dell’incidente.

 INCHIESTA  

La procura di Avellino ha aperto un fascicolo per omicidio colposo plurimo in relazione all’incidente. Gli accertamenti giudiziari saranno finalizzati a far luce non solo su eventuali responsabilità dell’autista, che è morto nell’incidente, ma anche sulle condizioni tecniche dell’autocorriera (freni e pneumatici). Inoltre, sarà verificato il corretto segnalamento dei cantieri autostradali presenti nella zona. L’inchiesta potrà poi riguardare anche la qualità tecnica della barriera di protezione che è stata abbattuta dall’autobus. 

 

La polizia: nessun segno di frenata

La polizia autostradale non ha rilevato segni di frenata da parte dell’autobus.Il mezzo secondo una prima ricostruzione si è strascinato lungo una barriera di cemento ed ha poi sfondato il guardrail finendo nella scarpata. La polizia sta valutando ogni possibile causa dell’incidente: dal funzionamento dell’impianto frenante del bus all’ipotesi dello scoppio di uno pneumatico formulata da alcune persone fino alla velocità dell’autocorriera. Ieri sera la Società Autostrade per l’Italia ha riferito che l’autobus prima di finire nella scarpata ha tamponato alcuni veicoli essendo giunto ad una velocità superiore a quella consentita su un cantiere segnalato con i display e con la segnaletica verticale ed orizzontale. Intanto sono in corso accertamenti sia sulla documentazione relativa al bus Volvo precipitato sia nella sede della “Mondotravel” di Giugliano dove sono stati sequestrati anche i documenti degli altri mezzi della ditta, per verificare che tutto fosse in regola.

 

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628