Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Benevento, rapine in abitazione: catturato un quinto albanese

Scritto da il 18 novembre 2013 alle 20:30 e archiviato sotto la voce Cronaca. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Prosegue senza sosta l’attività investigativa dei Carabinieri del Comando Provinciale di Benevento nei confronti dei cittadini albanesi ritenuti responsabili delle rapine consumate in abitazioni e ville isolate, nei mesi scorsi, in alcuni centri della nostra provincia.

Infatti, ieri notte, a Tarvisio (UD), è stato arrestato, mentre viaggiava su un treno proveniente da Vienna e diretto a Roma, il cittadino albanese J.E., nato in Albania il 5 marzo 1990, senza fissa dimora.

L’uomo, era destinatario di ben due ordinanze di custodia cautelare in carcere per rapina pluriaggravata, detenzione illegale di armi ed altro, emessi nei suoi confronti dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento e dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Avellino, in quanto ritenuto responsabile, insieme ad altri complici, di diversi episodi criminosi commessi nella provincia sannita. In particolare, delle rapine in abitazioni avvenute:

-           a Castelvenere, il 18 luglio 2013;

-           a Solopaca, il 21 agosto 2013;

-           a Torrecuso il 26 agosto 2013;

-           a Monteforte Irpino il 27 agosto 2013

l’uomo, durante un normale controllo del passaporto, è stato fermato al posto di frontiera con l’Italia, su segnalazione dei Carabinieri di Benevento, che avevano diramato le sue ricerche in campo nazionale e, dopo essere stato arrestato, è stato tradotto presso il carcere di Tolmezzo (UD) a disposizione dell’Autorità Giudiziaria beneventana e irpina.

Nei confronti dell’uomo e dei suoi complici, la task-force investigativa dei Carabinieri, composta dai militari del Reparto Operativo e dei Nuclei Operativi delle Compagnie di Cerreto Sannita e Montesarchio, aveva raccolto una serie di elementi di colpevolezza oggettivi, tali da consentire l’emissione, da parte dell’Autorità Giudiziaria, dei due provvedimenti restrittivi in questione.

Salgono così a cinque gli albanesi arrestati in totale dai Carabinieri: come si ricorderà gli altri complici, sono nell’ordine: J.A. a Casoria il  18 settembre scorso, X.M., a San Marcellino il 23 settembre, e L.V. a Bari, il 27 ottobre, mentre rientrava dall’Albania e G.M., arrestato il 7 novembre scorso sempre a Tarvisio.

La tecnica utilizzata dalla banda, come si ricorderà, era sempre la stessa: i banditi, armati di pistola e fucili, e bastone, generalmente tre o quattro, entravano nelle abitazioni, approfittando del fatto che durante la bella stagione le vittime erano solite lasciare le finestre e le porte aperte e, quindi, dopo aver rinchiuso le vittime in una stanza, sotto la minaccia delle armi, si facevano consegnare oggetti in oro e contanti e poi si dileguavano a bordo di uno o più veicoli appositamente rubati qualche giorno prima. 

Infatti, va ricordato che, a Cardito e a Caivano, comuni a ridosso dell’hinterland napoletano, gli investigatori avevano rinvenuto due delle autovetture utilizzate dai rapinatori: un’alfa romeo 159, usata dai malviventi per compiere la rapina, avvenuta il 22 agosto scorso in Sant’Agata dei Goti, nonché una Fiat panda,  utilizzata dai banditi per la rapina del 21 agosto, a Solopaca, a bordo delle quali furono trovate diverse tracce utili per individuare i malviventi e alcune armi trafugate durante le rapine di Solopaca e Torrecuso, abbandonate dai banditi.

 

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628