Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

A Solopaca corso per addestratori cinofili E.N.C.I

Scritto da il 17 agosto 2013 alle 10:12 e archiviato sotto la voce Ambiente, Attualità. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

‘Spesso, i nostri Territori – si legge in una nota del Presidente Provinciale di Ekoclub International, Luigi La Monaca –   vivono, inesorabilmente, di luce riflessa e non si distinguono per originalità e peculiarità uniche, questa volta, un vero fiore all’occhiello, per l’intero Sannio, è rappresentato dal Centro Cinofilo Taburno diretto, in maniera impeccabile, da Ubaldo Di Massa. Il C.C.T. in collaborazione con l’E.N.C.I. nazionale ha dato vita al primo, e unico per il momento, Centro di formazione riconosciuto dall’E.N.C.I.

Il centro cinofilo del Taburno apre la sessione formazione diventando scuola cinofila ENCI (ente nazionale cinofilia italiana). Il canile che ospita oltre 300 cani e l’allevamento di Setter Samniticus stanno attivamente collaborando con il settore scuola in quanto gli allievi istruttori possono usufruire per allenarsi dei trovatelli ospiti e dei giovani setter. Questa sinergia fra i settori rende unico il centro cinofilo del Taburno che a ottobre “sfornerà” i primi addestratori cinofili enci del beneventano in modo da poter iniziare un bel percorso di formazione della popolazione affinchè il randagismo e gli abbandoni si riducano e la cultura cinofila e del buon cittadino a quattro zampe si diffonda con attività mirate come il cane. 

 

L’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana (ENCI) riconosciuto dallo Stato e fondato nel1882 haconsentito al nostro Paese di raggiungere, in oltre cento anni di attività, i vertici della cinofilia europea e mondiale.

Nel1897 l’Assemblea dei Soci ne ratifica lo Statuto ed aggiorna il regolamento per le iscrizioni al “Libro” e nel 1904 gli iscritti sono già 1033.

In questi anni nascono le prime mostre zootecniche canine a Milano e Torino ove vengono presentati circa 400 cani. Vede la luce anche la rivista ufficiale del Kennel Club.

L’Assemblea del 22 maggio 1926 decide di chiedere al Ministero dell’Economia Nazionale il riconoscimento ufficiale della personalità giuridica. Nel ’29 anche il Governo dà inizio alla propria alta considerazione per la cinofilia organizzata assegnandole un contributo di Lire 5.000 e a partire dal 1930 ottengono un riconoscimento come “Soci Collettivi” tutte quelle associazioni cinofile, sia generiche che specializzate nella tutela di singole razze, che nel frattempo si erano costituite nel paese.

La Cinofilia cresce e dal 1939 la sede trova allocazione in viale Bianca Maria23 aMilano.

Nel 1940 ottiene anche il riconoscimento dal Ministero dell’Agricoltura. Dopo la stasi bellica vengono approvati i primi regolamenti relativi a manifestazioni zootecniche e prove attitudinali.

Nel frattempo gli iscritti al Libro Genealogico raggiungono le 8.636 unità e dal 1950 nasce la grande competizione sportiva internazionale per i cani inglesi da ferma. I risultati del primo censimento dei cani in Italia, effettuato in 13 Regioni, conferma l’alto numero degli animali di questa specie presenti: ben 1.063.267 soggetti.

In quegli anni la cinologia e la cinotecnia assumono una veste tecnica e scientifica; si organizzano corsi Universitari di cinologia i cui testi sono ancora oggi materia di consultazione.

Nel 1960 vengono organizzate 43 esposizioni zootecniche e 66 prove di lavoro. Le iscrizioni al Libro Genealogico raggiungono i 14.803 soggetti.

Dal 1970 le Nazioni federate alla Federazione Cinologica Internazionale con sede in Belgio, nel corso della Assemblea Generale di Budapest, stabiliscono che i certificati genealogici emessi dalle diverse Nazioni portino un comune contrassegno. A tutt’oggi le Nazioni federate alla F.C.I. sono ben 70.

Le iscrizioni ai Libri Genealogici Nazionali sono circa 160.000, le manifestazioni zootecniche oltre 2.000 di cui circa 1.200 prove di lavoro e oltre 400 esposizioni con la partecipazione annuale di oltre 100.000 cani.

I Soci allevatori dell’ENCI sono circa 2.000 e i Soci Aggregati circa 100.000. Le oltre 100 Delegazioni ENCI coprono capillarmente tutto il territorio nazionale. I Gruppi Cinofili e le Associazioni di Razza a loro volta collaborano attivamente e alla promozione e allo sviluppo della cinofilia organizzata sia localmente che settorialmente.

L’ENCI pubblica il periodico mensile “i Nostri Cani” che vanta una tiratura di 100.000 copie, spedite a tutti gli associati.

In questi anni l’Ente ha portato avanti con successo sia l’indirizzo zootecnico pratico che quello formativo con l’organizzazione di corsi di cinotecnia, seminari, convegni orientati allo studio di problematiche tecnico- scientifiche, partecipando inoltre, con successo, ad esposizioni e prove di lavoro a carattere europeo e mondiale, conquistando prestigio ed evidenziando l’alto livello raggiunto dai prodotti dell’allevamento italiano.

L’attività selettiva continua con la creazione di “zone cinofile” in varie parti del paese per l’addestramento e l’allenamento dei cani utilizzati nello sport venatorio, centri di addestramento (numerosissimi in tutto il Paese) per i cani di utilità e per la Protezione Civile. Sta ora prendendo consistenza la selezione scientifica delle attitudini naturali dei cani da gregge, ausiliari indispensabili nel lavoro degli allevatori di razze ovi-caprine; la selezione di cani per usi ludico-sportivi quali quelli di agility; il miglioramento dei cani con attitudine al soccorso e al salvataggio sia a terra che in acqua; l’ampliamento dell’utilizzo dei cani ausiliari dei portatori di handicap e la collaborazione con le forze di Polizia per la selezione dei cani antidroga e ausiliari per l’ordine pubblico.

E’ in fase di realizzazione un centro per la conservazione del germoplasma dei soggetti miglioratori e per la fecondazione artificiale.

L’ENCI riserva particolare attenzione alla valorizzazione e promozione delle razze italiane. Si tratta di 16 razze autoctone e di antica origine, ognuna affascinante e particolarmente interessante sia per la tipica morfologia che per le attitudini naturali ed il temperamento. La selezione ed il loro miglioramento assumono un carattere preminente nell’attività tecnica dell’Ente che ne vuole favorire la conoscenza e la diffusione sia in Italia che all’estero.(fonte sito E.N.C.I.)

Il 19 luglio u. s. ha avuto inizio il primo corso organizzato dall’ENCI in collaborazione con il Centro Cinofilo Taburno e il 13 ottobre p. v. ci saranno gli esami di abilitazione per i partecipanti. I corsi di formazione sono stati tenuti dagli addestratori nazionali dell’ENCI Massimo Campini ed Elena Finocchietti, hanno partecipato: Maria Ausilia Alfano, Riccardo Cangiano, Claudio Di Brigida, Antonio Di Fonso, Ubaldo Di Massa, Giancarlo Gagliardi, Dorinel Goudescu, Lara Iannotti, Eligio Maiuri, Emilio Parretta, Arturo Sorrentino e Alessandro Vernillo. Il corso ha visto il patrocinio del Comune di Solopaca e del Gruppo Cinofilo Sannita.  La cosa più interessante è il nuovo rapporto che gli addestratori avranno, finalmente, non solo con i cani di razza, infatti, la struttura di Ubaldo Di Massa, ha anche un canile dove dimorano numerosi cani randagi che, sfortunatamente, hanno subito l’abbandono da parte degli uomini, ora, per la prima volta, parteciperanno attivamente alle lezioni di addestramento e, si riconcilieranno con gli esseri umani. I “trovatelli”, con moltissima probabilità avranno nei loro addestratori anche i loro nuovi “padroncini” e entrambi riscopriranno la bellezza di vivere in armonia e in simbiosi. Un cane addestrato è, indubbiamente, vive meglio e, un uomo che conosce i cani scopre, senza sorta di smentita, un mondo affascinante e pieno di affetto e riconoscenza’.

 

1 Risposta per “A Solopaca corso per addestratori cinofili E.N.C.I”

  1. [...] A Solopaca corso per addestratori cinofili ENCI Sta ora prendendo consistenza la selezione scientifica delle attitudini naturali dei cani da gregge, ausiliari indispensabili nel lavoro degli allevatori di razze ovi-caprine; la selezione di cani per usi ludico-sportivi quali quelli di agility; il … Read more on Il Sannita.it [...]

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628