Raia Immobiliare Edil Appia Edil Flex Mercatino Streghe Mercatino Streghe Amplifon

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Solopaca, giovane rumena ridotta in schiavitù: arrestati gli sfruttatori.

Scritto da il 7 novembre 2013 alle 13:26 e archiviato sotto la voce Cronaca. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

I carabinieri della Stazione di Solopaca, unitamente a quelli del Nucleo Operativo della Compagnia di Cerreto Sannita, nella notte appena trascorsa hanno arrestato un uomo ed una donna di nazionalità rumena, rispettivamente di  40 e 37 anni, responsabili di riduzione in schiavitù nei confronti di una giovane connazionale di 29 anni. L’operazione ha avuto inizio in seguito ad una telefonata pervenuta da una connazionale amica della vittima che ha segnalato al 112 gli abusi costretti a subire dalla vittima da parte dei due aguzzini, i quali avevano prima tentato di farla prostituire e dopo costretta a lavorare, contro la sua volontà per loro conto, quale badante presso una famiglia residente a Solopaca. Immediatamente la  centrale operativa della Compagnia di Cerreto Sannita ricevuta la segnalazione, proveniente da fuori regione, ha allertato subito la Stazione di Solopaca e gli accertamenti tempestivamente condotti hanno permesso subito di rintracciare la giovane donna presso una famiglia del centro ove svolgeva l’attività di badante da un solo giorno. La giovane in caserma ha denunciato di essere stata attirata in Italia dai due connazionali con tante belle promesse, ma appena giunta – circa 10 giorni prima -  la coppia l’aveva tenuta segregata in un appartamento di Sant’Agata dei Goti. Qui, dopo averla privata dei documenti d’identita’ e del telefono cellulare, allo scopo d’impedirgli qualsiasi forma di contatto con l’esterno,  l’avevano prima, con violenze, minacce e vessazioni di ogni genere, spinta a prostituirsi e dopo costretta a lavorare  quale badante. In pratica i due soggetti esercitavano sulla vittima una sorta di diritto di proprietà sfruttando le condizioni di assoggettamento e stato di necessità della donna che era privata anche della liberta’ personale perché veniva rinchiusa in  una stanza quando i suoi connazionali uscivano di casa. Raccolta la denuncia i militari si sono recati a S’Agata dei Goti dove, nonostante i pochi elementi forniti, hanno individuato l’appartamento,  occupato dalla coppia di rumeni, ove era stata tenuta la giovane donna. Nel corso della perquisizione domiciliare i militari hanno rinvenuto i documenti d’identità e il telefono cellulare della vittima.  I due rumeni sono stati accompagnati in caserma e dopo le formalità di rito, su concorde parere dell’Autorità Giudiziaria, sono stati dichiarati in arresto per riduzione in schiavitu’ e  tradotti presso la Casa Circondariale di Benevento. I carabinieri hanno restituiti i documenti d’identità e telefono cellulare alla vittima trovandogli adeguata sistemazione alloggiativa.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628