Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Pedicini (Mir) controreplica a Lonardo (Asia)

Scritto da il 6 novembre 2013 alle 20:16 e archiviato sotto la voce Ambiente. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

‘La pronta, anche se poco esaustiva, precisazione del presidente Lonardo, merita una risposta’. Così Il coordinatore provinciale MIR – Anna Maria Pedicini controreplica alle dichiarazione del Presidente dell’Asia Lucio Lonardo.

‘Premesso che i bilanci, accorpando sinteticamente le voci, non permettono in alcun modo di capire il come e il perché, fanno solo i totali. Sarebbe opportuno capire, e far capire, le quantità di materiali riciclati, a chi vengono conferiti e i relativi costi. Credo sia giusto spiegare a tutti noi perché l’Asia Benevento decanta un bilancio in attivo, ma abbiamo le strade sporche. Si deve rendere noto ai cittadini, dati alla mano, che le responsabilità, o parti di essa, stanno ad un livello diverso, più alto, nella gerarchia istituzionale?  L’azienda faccia allora  capire in che modo ha le mani legate dalla normativa e dove terminano le pure responsabilità  aziendali e cominciano quelle istituzionali.

A questo punto le domande si sono moltiplicate.  Andando sul sito della regione Campania le delibere sono ferme a Luglio,  quando, in data 7,  veniva approvata una proposta di legge per il riordino e la gestione del ciclo dei rifiuti: essa trasferisce ai comuni la competenza esclusiva gestionale di tutte le parti del sistema, dal prelievo e trasporto dei rifiuti, al loro smaltimento finale. Cosa che già accade in tutte le regione in quanto lo prevede una normativa statale.

 Prima della legge sul riordino, si era obbligati a stipulare contratti solo con i consorzi di raccolta (plastica,vetro,alluminio) che venivano pagati, e in più si vedevano sommare   una tassazione aggiuntiva se il tipo di prodotto era “da ripulire”, con la nuova normativa si può scegliere a chi destinarlo. In pratica, per tipologia, può essere venduta a chi poi dovrà riutilizzarla e quindi il comune potrà ottenere un ricavo dai materiali riciclati.

Discorso a parte l’umido che, secondo la nuova normativa, dovrebbe essere scalato in percentuale dalla tassa stessa.

Devo desumere che il nodo a cui si riferiva il Presidente Lonardo e’ proprio questo.

Dopo aver reso più “comprensibile a tutti” la gestione beneventana dell’Asia , e le carenze sono a livello regionale,   perché il dott. Lonardo non fa si che le sue battaglie diventino anche le nostre, e di tanti altri ?

 

 

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628