Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Cittadinanzattiva, tra le 10 città più care d’Italia c’è anche Benevento

Scritto da il 30 marzo 2012 alle 20:08 e archiviato sotto la voce Foto, Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Cittadinanzattiva, tra le 10 città più care d’Italia c’è anche Benevento

Rifiuti a peso d’oro: Quando si parla di rifiuti, è sempre la Campania la regione italiana al centro dell’attenzione, non solo per la gestione emergenziale ma anche per i costi elevati del servizio: a livello nazionale, infatti, la spesa media annua per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani è più cara in Campania (378€) rispetto a qualunque altra regione, nonostante nell’ultimo anno si sia registrato un decremento tariffario del -1,6% (a fronte di un incremento su base nazionale del 2,1%).
Se in assoluto, in Italia la spesa media annua più alta si registra in Campania, la più bassa si registra in Molise con 146,5€, a dimostrazione di una marcata differenza tra aree geografiche del Paese, che trova conferma anche all’interno di una stessa Regione: in Campania, a Napoli la Tarsu ammonta a ben 508€, più del doppio rispetto a quella che si paga ad Avellino (221€), ben 162€ in più rispetto a quella di Benevento, 115€ in più rispetto alla Tarsu che si paga a Caserta, 87€ in più rispetto alla TIA che si paga a Salerno.
Da notare come in Campania dal 2007 ad oggi si sia registrato un incremento tariffario (+44,3%) di molto superiore a quello registrato a livello nazionale (+14%); spiccano, in particolare, gli aumenti record di Salerno (+97,7%) e Napoli (+79,5%).
Italia che vai, rifiuti che trovi: Il Sud ne produce di meno ma gli costano di più: in media, per pagare la bolletta dei rifiuti si spende di più nelle regioni del meridione (264€), dove l’aumento rispetto al 2010 è stato dell’1,5% (+15% rispetto al 2007); seguono le regioni centrali (252€), +2% rispetto al 2010 (+14,5% rispetto al 2007) e il Nord Italia (228€) con un +2,2% rispetto al 2010 (+12% rispetto al 2007).
Di contro, è il Centro che registra la media più elevata in quanto a produzione pro capite di rifiuti: (604 kg), seguito da Nord (530kg) e Sud (493 kg).
I virtuosi della raccolta differenziata, invece, sono le regioni del Nord, nettamente avanti (48%, sostanzialmente in linea con quanto stabilisce la legge) rispetto a Centro (25%) e Sud (19%).
Nello studio realizzato dall’Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva l’analisi a carattere nazionale e regionale del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani in termini di costo sopportato da una famiglia-tipo di tre persone con reddito lordo complessivo di 44.200€ ed una casa di 100 metri quadri.
L’indagine ha riguardato tutti i capoluoghi di provincia nel 2011, ed è disponibile on line su www.cittadinanzattiva.it con il prospetto per ciascun capoluogo e la composizione delle voci di costo.
Tia o Tarsu? A più di dieci anni dal Decreto Ronchi del 1997, tra i capoluoghi campani solo Salerno è passato dalla Tarsu alla Tia. In positivo, nell’ultimo anno, i costi sono rimasti invariati ad Avellino e Caserta, addirittura in diminuzione a Benevento (-9,9%).
Produzione e gestione dei rifiuti: secondo l’ultimo rapporto dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i servizi tecnici (presentato nell’aprile 2011), in Campania la produzione pro capite di rifiuti urbani è diminuita solo dello 0,2% rispetto all’anno prima. Come se non bastasse, restano troppo bassi i livelli di raccolta differenziata, fermi al 29,3% del totale dei rifiuti prodotti in regione (fonte: ISPRA, 2011), a fronte di una media nazionale pari al 33,6%.
Caro bollette in Italia: in media, in un anno la nostra famiglia-tipo ha sostenuto nel 2011 una spesa di 246€ per il servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, con Napoli quale città più cara per le tariffe rifiuti (508€) e Isernia la più economica (122€).
Il commento di Antonio Gaudioso, vicesegretario generale di Cittadinanzattiva: “La gestione del ciclo dei rifiuti è emblematica delle tante contraddizioni di cui è vittima il nostro Paese: il servizio non migliora mentre i costi sopportati dalle famiglie sono sempre maggiori. In particolare, le tariffe aumentano di più nelle zone del Paese a più basso reddito: negli ultimi 5 anni, sono aumentate mediamente del 44% in Campania e del 20% circa in Calabria. Da Sud a Nord, gli incrementi si registrano ovunque, a dimostrazione della mancanza di una politica nazionale della gestione dei rifiuti, capace di legare gli elementi di costo ad elementi di qualità del servizio, a tutto vantaggio di chi continua ad operare in assoluta assenza di trasparenza. La conseguenza di tutto ciò è che in Italia, più del 40% dei rifiuti va ancora a finire in discarica, la raccolta differenziata stenta al Centro e al Sud e il coinvolgimento dei cittadini nella valutazione del servizio, previsto dal 2008, è ancora un’utopia”.

2 Risposte per “Cittadinanzattiva, tra le 10 città più care d’Italia c’è anche Benevento”

  1. enza scrive:

    Da dove avete attinto la notizia che a salerno si è passati dalla TARSU alla TIA??

  2. enza scrive:

    Risiedo a Salerno e pago solo in base ai metri quadrati.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628