Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Industria alimentare, raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto

Scritto da il 27 ottobre 2012 alle 20:18 e archiviato sotto la voce Lavoro, Società. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Le  OO.SS di categoria fortemente impegnate per il rinnovo CCNL del settore industria alimentare, dopo 5 mesi di trattativa spesso difficile, è stato raggiunto l’accordo per il rinnovo del Ccnl dell’industria alimentare, siglando un buon contratto per il settore.

Il contratto per il triennio 2012-2015, interessa circa 1500 addetti nel Sannio, dipendenti da piccole e medie aziende: dolciarie, pastifici, caseifici ecc. .

In un contesto economico difficile, come quello attuale, accompagnato da una forte crisi delle relazioni politico – sociali, Fai CISL, Flai CGIL, Uila UIL ritengono che il rinnovo del contratto scaduto il 30 Settembre 2012 garantisca continuità sul terreno della tutela dei diritti dei lavoratori e rilanci la contrattazione integrativa di secondo livello nel settore.

Ecco in sintesi i punti dell’accordo (in allegato i punti salienti del rinnovo CCNL):

Aumenti salariali 126 € a regime ripartiti in tre tranches da 40 € e una da 6 € a risarcimento dell’allungamento della durata di due mesi.

Contenuti importanti sullo sviluppo della contrattazione di secondo livello,sulla Formazione professionalizzante,sui congedi parentali,sui permessi ai lavoratori studenti,sulla salute e sicurezza, su Mdl e Apprendistato,sui ricongiungimenti familiari per gli extracomunitari,sul Fondo integrativo sanitario (consolidamento della norma relativa al costo totalmente a carico dell’azienda). Commento : un buon contratto vista l’attuale fase difficile,ma che avremmo voluto più ambizioso se la  delegazione datoriale non fosse stata tanto divisa al proprio interno tra grandi e piccole imprese. Federalimentare in pratica – per non dividersi – ha voluto confermare l’assetto complessivo del contratto nonostante la  nostra disponibilità a scambiare  flessibilità, automatismi (scatti anzianità), norma sull’assenteismo,vecchio premio di produzione e più salario invece ancoratosi al parametro Ipca. il risultato salariale e la  distribuzione delle tranches ottengono un montante nel triennio di 4.132 € (superiore a quello del contratto precedente). Grande soddisfazione delle Segreterie nazionali, della Delegazione trattante e dei Delegati nelle aziende.

Il Contratto degli Alimentaristi riguarda circa 450 mila lavoratori in un settore dove prevalgono (circa 70%) le piccole e medie aziende sprovviste di contratto di secondo livello.

Le Segreterie nazionali unitarie e la delegazione trattante hanno valutato positivamente l’accordo raggiunto che, pertanto, verrà portato alla consultazione dei lavoratori attraverso assemblee ed attivi regionali.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628