Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

La Uil di Benevento alla manifestazione del 25 aprile

Scritto da il 24 aprile 2012 alle 18:49 e archiviato sotto la voce Attualità. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Domani, mercoledì 25 aprile si svolgerà nella nostra Città la manifestazione organizzata dall’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, in collaborazione con Cgil, Cisl e Uil, per onorare i caduti della Resistenza.

E’ importante ricordare e partecipare per ribadire il nostro attaccamento agli ideali e valori che ispirarono la lotta di Liberazione e la nostra ferma volontà di difendere i principi di democrazia, libertà ed uguaglianza contenuti nella nostra Carta Costituzionale.

Le iniziative che in questi giorni vedono impegnati le donne e gli uomini di Cgil, Cisl e Uil sono volte a difendere la dignità e il valore del lavoro e a rivendicarne la centralità nelle scelte che questo Paese deve compiere.

L’Anniversario della Liberazione non è quindi solo un’importante celebrazione storica, ma è anche un’occasione per riaffermare che il movimento sindacale è sempre in prima fila per evitare che regrediscano i diritti del lavoro.

Quest’anno il 67° anniversario della Liberazione e la manifestazione del 25 Aprile, si svolgono in uno scenario particolarmente preoccupante non solo a livello italiano. La crescita delle disuguaglianze sociali, la mancanza e la precarietà del lavoro, la messa in discussione dei diritti dei lavoratori, il crescente numero di morti sul lavoro, che rimane una tragica costante del nostro Paese, ci spingono a vivere questa giornata in un’ottica particolare.

“E’ troppo comodo e semplice – afferma Fioravante Bosco, leader della Uil sannita – soffermarsi in questo giorno solo sui caduti di quei nefasti giorni, noi quest’anno proviamo a mettere al centro, a partire da chi si oppose al fascismo e alla dittatura, coloro che oggi su quegli ideali, resistono per non cadere, per non farsi buttar giù da chi vede nell’azzeramento dei diritti l’unica via di uscita dalla crisi”.

“Al lavoro, valore fondante della Repubblica, deve essere restituito – conclude Fioravante Bosco – il suo ruolo e la sua dignità, eliminando il contrasto stridente tra i principi costituzionali e la durissima realtà del nostro Paese. La parola partigiano, ad esempio, ha assunto progressivamente una connotazione negativa, viene utilizzata per attaccare, ha perso il valore positivo che deve avere e che va riconquistato. La Resistenza è una storia nobile e al contempo dolorosa, aveva in sé i valori sui quali si fonda la nostra Costituzione democratica, che rimane una delle più avanzate del mondo”.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628