Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Lavoratori Comunità Montana del Fortore, nota congiunta di Cgil, Cisl e Uil

Scritto da il 24 febbraio 2012 alle 12:16 e archiviato sotto la voce Lavoro. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Nell’ approssimarsi della scadenza del 1° marzo, le organizzazioni sindacali di FP CGIL, FP CISL e UIL FPL di Benevento hanno rilevato il totale disinteresse delle istituzioni tutte sulla vicenda dei lavoratori della Comunità Montana del Fortore, collocati in procedura di mobilità ormai da due anni, e in scadenza in tale data,’nell’ indifferenza generale – spiegano – che li ha praticamente abbandonati a se stessi in balìa di un contesto, come quello fortorino, dove la possibilità di un reimpiego, viepiù per persone non giovanissime, diventa una chimera irraggiungibile, che porta direttamente all’ isolamento e all’ impoverimento non solo dei singoli lavoratori, ma anche delle loro famiglie, e dello stesso territorio ove la mancata corresponsione di salari ricalca prepotentemente sull’ economia locale.
La storia dei lavoratori della Comunità Montana del Fortore, è unica in tutto il territorio nazionale, poiché tale Ente è stato l’ unico a predisporre un simile trattamento per i propri dipendenti letteralmente “sganciati” dal lavoro senza un minimo di prospettiva.
Nell’ arco di questi due anni abbiamo investito di responsabilità tutti gli interessati ad ogni livello, onde cercare di “allineare” questa situazione al contesto nazionale generale, dove, nonostante le difficoltà evidenti del settore, si è riusciti a scongiurare quantomeno la perdita del posto di lavoro per gli operatori, adoperandosi, piuttosto, per il recupero di fondi necessari a dare nuovo impulso alle attività.
La Comunità Montana del Fortore, tra l’ altro, al pari di tutte le Comunità Montane (né più né meno) ha recentemente beneficiato di un rifinanziamento da parte della Regione Campania, così creandosi le condizioni per un nuovo riassorbimento del personale iscrezionalmente “defenestrato” dal lavoro.
Per tali motivi abbiamo, da ultimo, più volte sottoposto al Prefetto di Benevento l’impellente necessità di istituire un tavolo “ad horas” con l’ ente montano e l’ Assessore Regionale, onde addivenire ad una soluzione alternativa al licenziamento.
Solo l’ intermediazione Prefettizia può garantire un nuovo accordo che restituisca ai lavoratori la propria dignità. Confidiamo ancora in tale possibilità da parte del Prefetto di Benevento prima che tale situazione, ormai agli sgoccioli, diventi un caso nazionale’.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628