Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Fioravante Bosco (Uil): Aboliamo la pratica delle dimissioni in bianco

Scritto da il 23 febbraio 2012 alle 10:56 e archiviato sotto la voce Attualità, Lavoro. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Oggi, 23 febbraio 2012, è la giornata nazionale di mobilitazione per chiedere norme efficaci contro le dimissioni in bianco e per chiedere di ripristinare la legge 188 del 2007 che impediva la pratica delle finte dimissioni volontarie. Pur essendo la culla del diritto, nel nostro Paese si firmano ancora le dimissioni , per essere utilizzate all’occorrenza: lunga malattia, matrimonio o gravidanza. Questa pratica, molto diffusa, colpisce soprattutto le giovani donne e può considerarsi, in termini generali, un abuso contro lo Stato di diritto”. E’ ciò che rende noto la Uil sannita.

“Presso le sedi Uil è possibile firmare una petizione da indirizzare al presidente del Consiglio, ai presidenti di Camera e Senato e alla ministra del lavoro Elsa Fornero. Il ripristino della legge n. 188/2007 non rappresenta un onere economico per la collettività, poiché essa può essere applicata, utilizzando le tecnologie informatiche, con procedure semplicissime. Quella legge – insistono dalla Uil sannita – fu approvata da un arco ampio di forze politiche, ma abrogata dal governo Berlusconi nel maggio 2008”.

“La vergognosa pratica delle dimissioni in bianco – conclude il leader della Uil sannita Fioravante Bosco – colpisce 2 milioni di lavoratori, soprattutto donne, costrette a firmare lettere di pre-licenziamento all’atto dell’assunzione. Oggi sembrano esserci finalmente le condizioni per tornare ad approvare le norme contro le dimissioni in bianco, già contenute nella legge 188/2007, che è stata cancellata dal precedente Governo. Sarebbe un atto di civiltà, un segnale importante in una fase in cui si apre la discussione sulla riforma del mercato del lavoro. I dati sono inequivocabili: sono state oltre 800mila le donne che hanno perso il lavoro a seguito della richiesta di una firma in bianco trasformata in dimissioni al momento della maternità. Il lavoro femminile è una risorsa importante per la ripresa dell’Italia, ma così facendo tutto è vanificato”.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628