Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Università del Sannio: Ancora una richiesta di confronto della CGIL.

Scritto da il 16 maggio 2012 alle 09:38 e archiviato sotto la voce Attualità, Scuola, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Sono anni che la CGIL cerca il confronto pubblico sull’Università del Sannio con seminari e convegni, per tentare di individuare progetti e strategie capaci di generare sviluppo e crescita del territorio sannita e non solo. Questo era l’obiettivo con cui un quarto di secolo fa si pensò di far nascere un laboratorio di alta formazione nella città di Benevento.
Ma il confronto si fa a carte scoperte, su tutto, senza l’autoreferenzialità che tiene distante pezzi della società civile altrimenti pronta ad assumersi proprie responsabilità e a dare il suo contributo di idee, nell’interesse della società sannita e, soprattutto, dei suoi giovani a caccia di un futuro migliore.
Per far questo c’è bisogno di un confronto leale e trasparente che si costruisce col tempo e non con l’illustrazione di dati, spesso solo letti e mai interpretati, o talvolta addirittura errati, per capire la fase che l’Università del Sannio sta vivendo. Non vogliamo criticare, vogliamo condividere e forse abbiamo sottovalutato la sfida che abbiamo intrapreso cercando di coinvolgere i soggetti politici, quelli istituzionali, l’accademia e le forze sociali, con il coinvolgimento, non ultimo, degli studenti.
Per essere vincenti nel campo della ricerca e della didattica non bastano le eccellenze, che non mancano nell’Ateneo sannita, ma la diffusione dell’eccellenza. Non bastano buoni solisti perché un’orchestra venga apprezzata, ma occorrono musicisti con qualità diffusa e un direttore che tiene assieme il tutto, includendo e non escludendo.
Chi ha ostacolato la lotta contro la “riforma” dell’Università, come chi l’ha votata in Parlamento non può lamentarsi oggi dei suoi effetti devastanti che questa ha provocato e provocherà sull’intero sistema universitario italiano, accentuati nella sua applicazione ai piccoli e giovani atenei come è quello sannita. Accentramenti di potere, mancanza di democrazia è quanto abbiamo combattuto come sigla sindacale al fianco dei soli studenti e ricercatori, contro la CRUI, il governo e i partiti politici, non solo quelli di destra.
Tutti quelli che negli ultimi 14 anni, dal 1998 (anno del conseguimento dall’autonomia) ad oggi, hanno per bande combattuto laceranti lotte di potere all’interno dell’Ateneo del Sannio non possono puntare il dito accusatore contro l’altro chiamandosi fuori da evidenti responsabilità.
Offerta formativa, diritto allo studio, ricerca, trasferimento tecnologico, sviluppo del territorio, risorse, localizzazione, trasporti, rapporti con la città, alloggi, biblioteche, laboratori, organici del personale sono gli argomenti che urgono e attendono confronti e condivisioni ormai ineludibili.
Siamo pronti per affrontare un periodo di confronto e dibattito sull’università con l’obiettivo di mettere assieme e non dividere, per proporre e non criticare, per dare e non chiedere, per formare e non inculcare, perché sia un bene comune e non terra di conquista per pochi, perché sia un luogo del sapere e non un esamificio, perché sia un luogo di confronto e di crescita globale per l’intero Sannio, e non un teatro di inutili scontri.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628