Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Baselice, è nato il Museo Civico e Paleontologico del Fortore

Scritto da il 15 settembre 2012 alle 10:42 e archiviato sotto la voce Cultura & Spettacoli, Foto, Primo Piano, Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Baselice, è nato il Museo Civico e Paleontologico del Fortore

Il 5 settembre scorso, in occasione dei  festeggiamenti dedicati alla Madonna delle Grazie vi è stata l’apertura (anche se in sordina), del Museo Civico e Paleontologico del Fortore. L’afflusso dei visitatori, continuo e costante, è stato notevole e ha sottolineato il grande interesse da parte delle comunità locali.

 

L’apertura del museo non ha avuto ancora una vera inaugurazione in quanto devono essere completati gli allestimenti delle varie sezioni espositive, per cui vi è stata se così si può dire, un’apertura in anteprima proprio in occasione delle feste settembrine.

L’Amministrazione Comunale, nella seduta del 19/04/2012,  ha  deliberato l’istituzione del  Museo Civico e Paleontologico ai sensi della L.R. n. 12/2005, attuando quello che da tempo aveva richiesto la locale Associazione  Archeoclub di Baselice,  che indicava quale  sede  naturale del museo, lo storico “Palazzo lembo”.

Il Comune di Baselice avvalendosi della collaborazione dell’Associazione Archeoclub che ha messo a disposizione la notevole quantità di reperti posseduti, ha allestito quattro sezioni espositive: – la sezione Paleontologica e mineralogica, – la sezione “testimonianze della civiltà contadina”, – la sezione della donazione Mascia e –la sezione “ Il Mondo di Bern”, dedicata ad un giovane artista locale. Si resta in attesa del completamento dei locali posti al primo piano dove potrà essere collocata la sezione archeologica e la notevole quantità di foto d’epoca, riferite a Baselice e al suo territorio di fine ottocento e inizio novecento che l’Archeoclub custodisce.

Il percorso  di visita si articola tutto al piano terra di Palazzo Lembo, dal suggestivo androne d’ingresso con piccolo cortile interno, che funge da grosso disimpegno si accede alle sale espositive, si entra sulla destra nella prima sala dedicata alla “Donazione Mascia”.  In essa sono esposti una serie di quadri realizzati  dal compianto Professore Antonio (conosciuto come Tonino) Mascia, in arte  “Janio”, nato a Baselice e per lavoro vissuto tra Napoli e Roma, pittore autodidatta che in vita non amava mettersi in mostra, ma che aveva ricevuto molti riconoscimenti per le sue opere pittoriche di notevole pregio artistico.

Nella stessa sala, oltre ai quadri  sono esposti una raccolta di reperti artistici e archeologici di notevole interesse, facenti parte della stessa donazione pervenuta all’Associazione Archeoclub ad opera di Vita Mascia, sorella del compianto professore, il quale amante di ogni forma d’arte, le aveva  collezionato durante la sua vita.

Nella seconda e  terza sala,  si può visitare la Sezione Paleontologica, dove sono state allestite le vetrine che contengono i reperti fossili, i minerali e le rocce. In questi ambienti si può fare un autentico tuffo nel passato, sulle ali della fantasia è possibile viaggiare all’indietro nel tempo, fino ad incontrare i famosi “clypeaster”, specie più nota di riccio di mare vissuto 15 milioni di anni fa (conosciuta impropriamente in loco come stella marina); denti di squalo, pecten, ostreadi ecc. quando nell’attuale area geografica dove attualmente è la valle del Fortore, vi era un  mare calmo e tranquillo dal clima tropicale, dove vivevano migliaia di specie di organismi marini.

Dalla sezione Paleontologica si accede, a sinistra dell’androne, in altri locali, dove nella prima sala vi è la sezione dedicata alle testimonianze della civiltà contadina; reperti questi, raccolti in tutti questi anni dai soci dell’Archeolcub e che fino ad ora, ammucchiati nei depositi erano diventati un po’ logori e fatiscenti. Ma grazie ad un breve corso sulle tecniche di recupero e di restauro di reperti lignei e metallici, tenuto nel mese di luglio nello stesso Palazzo Lembo da funzionari della Soprintendenza di Caserta, alcuni giovani volontari, hanno completato il recupero e il consolidamento degli strumenti  che solo così hanno potuto trovare una rapida collocazione spositiva.

Nella sala successiva, si incontra la Sezione dedicata al “Mondo di Bern”, ove sono state esposte tutta una serie di caratteristici oggetti, realizzati dall’artista Bernardo Iuliano, in arte “Bern”, noto già per la sua produzione letteraria del genere noir-gotico consistenti in due volumetti di racconti tra il romantico e l’orrore che fa ricordare quando da piccoli ci si metteva nelle viuzze di Baselice e tra ragazzini si faceva a gara a chi raccontava le storie più paurose riferite per lo più ai defunti, fantasmi, spiriti, streghe e lupi mannari. Ma il Mondo di Bern non è solo questo, sono anche le tele da lui dipinte, la cera da lui lavorata in ogni forma, dalle candele alle immaginette della madonna e così via, nonché oggetti dalle forme e dai materiali più vari.

Il frettoloso e veloce allestimento delle sale espositive di Palazzo Lembo è stato possibile grazie al grosso impegno di Michele Caserio quale figura di coordinatore generale  per il Comune di Baselice e dagli altri componenti dell’Associazione Archeoclub: Virgilio Antonio, Costantino Maddalena, Leonardo Iampietro e Gerardo Marucci.

Un grazie per la collaborazione va anche ai Signori: Lenardo Paolozza, Lucio Marucci, Antonio Genovese, Nicola Bibbò, Adriano Paolozza, Massimo Mascia e Antonio Parisi.

Hanno dato il loro patrocinio all’iniziativa: la Regione Campania, La Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta e la Soprintendenza per i Beni Ambientali, Architettonici, per il Paesaggio, Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Caserta e Benevento.

In questo periodo di fase organizzativa, il Museo può essere visitato ogni fine settimana (sabato e domenica) oppure per appuntamento contattando il Comune di Baselice.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628