Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Provincia di Avellino e di Benevento stanno cooperando per il risanamento ambientale dei corpi idrici superficiali delle aree interne ed in particolare per il recupero del fiume Calore.

Scritto da il 13 giugno 2012 alle 12:36 e archiviato sotto la voce Ambiente, Attualità, Territorio, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Gli assessori all’ambiente dei due enti, rispettivamente Domenico Gambarcorta e Gianluca Aceto, hanno richiesto all’assessore regionale all’ambiente Giovanni Romano di definire nel corso di un apposito incontro, nell’ambito dei Grandi Progetti della Regione Campania approvati il 28 marzo 2011, le iniziative per la realizzazione dei depuratori comprensoriali, indispensabili al risanamento dei corpi idrici delle due Province che peraltro affluiscono, attraverso il Calore, nel fiume Volturno.

Proprio in questo fatto risiede la necessità e l’urgenza di intervenire per la salvezza dei corsi d’acqua dell’Irpinia e del Sannio: i due assessori, infatti, hanno sottolineato i benefici che gli interventi proposti dai Grandi Progetti apporterebbero per i territori da loro amministrati e per quelli della provincia casertana.

A tale scopo, peraltro, gli assessorati all’ambiente delle province di Avellino e di Benevento hanno già posto in essere una attività di collaborazione con le strutture regionali in ossequio alle funzioni attributi alle Provincie nella materia specifica ed hanno inviato le schede delle ipotesi progettuali da inserire nella proposta inoltrata dalla Regione alla Commissione Europea.

Il programma, a giudizio degli assessori provinciali, rientra in termini di coerenza con le finalità dei Grandi Progetti della Regione, aiutando la prevenzione, promuovendo la difesa del suolo, abbattendo e mitigando i rischi di origine naturale e contribuendo alla messa in sicurezza dei territori più esposti.

Secondo Gambacorta ed Aceto, dunque, occorre premere il piede sull’acceleratore delle procedure amministrative per l’attuazione del Grande Progetto: tali procedure, stabilite in un cronoprogramma, prioritariamente prevede la sottoscrizione di apposito Accordo di Programma tra gli Enti interessati.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628