Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Movida, De Nigris (Tel): ‘A pagarne le spese è senza dubbio il Centro storico’

Scritto da il 7 febbraio 2012 alle 10:22 e archiviato sotto la voce Cronaca, Politica, Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

‘Sempre più spesso si contano con amarezza gli effetti nefasti della movida del fine settimana in città’. E’ quanto scrive in una nota Fabrizia De Nigris –  Coordinatrice Forum permanente di TèL.

‘A pagarne le spese è senza dubbio il Centro storico, i cui residenti, oltre a dover subire gli schiamazzi notturni ed il via vai non autorizzato di auto, sono costretti ogni domenica mattina a contare i danni derivanti dall’inciviltà e dalla violenza dei giovani che copiosi affollano i vicoli durante la notte. Fino a qualche tempo fa gli strascichi delle notti brave si limitavano, se così si può dire, alla sporcizia delle strade, bottiglie rotte, bicchieri sparsi ovunque, cattivo odore dovuto alla scellerata abitudine di urinare vicino alle abitazioni. La cronaca più recente, però, si è aggravata purtroppo con il resoconto di sempre più frequenti atti violenti che in molti casi hanno come epilogo il trasferimento dei protagonisti in ambulanza.

Solo qualche giorno fa, il sindaco nel corso dell’incontro con il Comitato del Centro storico, ha promesso azioni più incisive per contrastare questo triste fenomeno, minacciando tolleranza zero nei confronti degli esercizi commerciali non in regola. Ma è giusto attribuire tutte le responsabilità del caso ai gestori dei locali ed all’inciviltà di giovani apparentemente tranquilli che nelle ore notturne si trasformano in vandali?

Sicuramente certi atteggiamenti non vanno avvalorati ed in nessun modo giustificati, ma viene spontaneo interrogarsi in merito alla mancanza dei controlli. Se non si riesce a trovare un accordo per l’introduzione di un terzo turno da parte della Polizia Municipale (in questo modo sarebbe garantita anche la presenza notturna dei vigili urbani e, chissà forse, si potrebbe scongiurare finanche la sciagurata abitudine di lasciare le auto in sosta nella parte alta del Corso Garibaldi), perché non approfittare della massiccia presenza in città delle telecamere di sorveglianza?

Sarà perché molti dei sistemi di video sorveglianza sono in disuso o non ancora funzionanti, sarà che il modello israeliano da noi non funziona o ciò accade semplicemente perché nessuno dei tanti dispositivi che vigilano sulla città è stato istallato lungo gli affollati vicoli del sabato sera beneventano? Forse il finanziamento di altri 800mila euro da parte del Governo permetterà di fronteggiare questa carenza, ma al momento sono tante le soluzioni al vaglio, che speriamo trovino presto applicazione visto che stiamo parlando di una condizione di degrado e di inciviltà che interessa una zona della città patrimonio dell’Unesco. Ciò si riflette, negativamente, sul turismo, non incentivato dall’attuale amministrazione. Mancano servizi igienici e, di contro, regna la sporcizia. Ciò determina un lavoro ulteriore anche da parte dell’Asia. Ma di ciò nessuno parla!

L’attuale amministrazione sembra ignorare che il centro storico, i suoi residenti ed i cittadini di Benevento tutti, meritano rispetto, meritano maggiore attenzione.

L’attuale giunta non può più tergiversare; non può più stare a guardare, il tempo è ormai scaduto, la misura è colma; ebbene, è giunto il momento di una presa di posizione politica, con decisioni e scelte anche impopolari ma necessarie. L’attuale amministrazione deve “scegliere” quale vocazione dare al centro storico interessato dalla “movida”; sia essa una inclinazione di carattere tipico (come ad esempio il “quartiere latino” come proposto dalla scorsa amministrazione), sia essa una inclinazione maggiormente votata alla tutela del patrimonio Unesco; si può solo ribadire che l’ignavia è la peggiore delle opzioni’.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628