Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

“Comune di Ponte – Lo sperpero di denaro pubblico”

Scritto da il 4 maggio 2012 alle 11:16 e archiviato sotto la voce Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Nella riunione del 6 aprile u.s. presso la Prefettura di Benevento, tenutasi quale tentativo obbligatorio di conciliazione, avendo la USB avviato le procedure per la proclamazione delle azioni di sciopero dei LSU in attività presso il Comune di Ponte, il Sindaco ed il Segretario Comunale dichiaravano, per quanto atteneva alla proposta di incentivi in aggiunta all’assegno ASU, che in bilancio non vi erano risorse e non si poteva prevedere alcun che per dare un minimo di risposta ai Lavoratori LSU i quali, tra l’altro, gli unici lavoratori disponibili che a tutt’oggi si adoperano per rendere un servizio istituzionale efficiente, dando vivibilità e decoro alla collettività pontese.

Di tutt’altra portata è stata invece la decisione assunta della stessa Amministrazione Comunale che ha impegnato una somma pari ad euro 1.560, quietanzando la “Scuola la Tecnica – Laboratorio della formazione” di Benevento avendo effettuato corsi di aggiornamento per attività cimiteriale, destinato per alcuni lavoratori dipendenti del comune di Ponte , tra cui vi è anche il responsabile del settore Tecnico- Manutentivo (Sic!!!!).

In una situazione di criticità economica, peraltro dichiarata in sede di riunione prefettizia, l’amministrazione anziché sperperare le esigue risorse disponibili per futili finalità avrebbe e dovrebbe attuare una politica di rigore, razionalizzando le risorse e impegnarle in quei settori ed in quelle attività che al momento necessitano di particolare attenzione.

Ci riferiamo alle attività riconducibili al settore “Tecnico – Manutentivo” – spazzamento, pulizie, taglio erba, etcc.- che attualmente vengono espletate dai LSU, unici rimasti ad espletare tali attività Istituzionali, oltre che ad un altro lavoratore (non meglio identificato) che, sempre per dichiarazione del Sindaco del Comune di Ponte, offre gratuitamente la propria disponibilità ma che, sicuramente e ovviamente, a breve ne chiederà conto creando ulteriore ambiguità.

Poiché al momento, oltre a permanere tutte le criticità, peraltro esposte in ambito di riunione in Prefettura, permane lo stato di agitazione dei LSU del Comune di Ponte proclamato per questioni rilevanti riguardante la loro gestione, non essendovi prospettive di sviluppo sia economiche che occupazionali per questa categoria di lavoratori – precari dei precari –, denuncia pubblicamente l’andamento di scelte politiche e gestionale dall’amministrazione comunale di Ponte poiché così facendo si vanno ad aggravare, alimentando ancor di più, le situazione di ambiguità già in essere presso l’Ente.

La USB da sempre impegnata nella soluzione dei problemi che attengono i lavoratori nel suo complesso, si auspica in una inversione di tendenza della parte politica e amministrativa, oggi più che mai chiamata alle proprie responsabilità, onde poter programmare ed attuare una fase di sviluppo generale in cui contemperare le diverse esigenze – amministrative e lavorative – , laddove possibile e senza sotterfugi, i cui vantaggi, nel suo insieme, dovrebbero essere indirizzati alla collettività e alla comunità pontese.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628