Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

La Provincia di Benevento comunica gli orari estivi del Museo Paleolab.

Scritto da il 3 luglio 2012 alle 11:30 e archiviato sotto la voce AttualitĂ , Cultura & Spettacoli, Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

La Provincia di Benevento e il Comune di Pietraroja comunicano gli orari estivi del Museo Paleolab nella cittadina alla falde del Matese, importante per le sue emergenze paleontologiche.

Apertura museo:

orario 10.00 – 12.30 (ultima visita guidata) / 14.30 – 17.30 (ultima visita guidata) il sabato, domenica e i festivi e, dal 17 luglio fino a fine agosto, anche martedì e giovedì stessi orari.
prenotazione visite altri giorni per gruppi di minimo 20 persone.

Prezzo biglietto:

- Intero € 4,00

- Ridotto € 2,00.

Per informazioni e prenotazioni:

Tel e fax Paleolab 0824 868253 (telefono attivo durante l’apertura del museo);

Solla Vittorio 320 2618342
Iannicola Gabriele 329 6975174.

Il Museo Paleolab di Pietraroja, istituito dalla Provincia di Benevento nel 2005, su co-finanziamento della Regione Campania, e d’intesa con la Soprintendenza archeologica di Benevento, Avellino e Salerno ed il Comune di Pietraroja, è situato proprio a ridosso del Parco Geopalentologico della cittadina sui contrafforti del Matese.

Quel Parco, scoperto da Scipione Breislak nel 1798, costituisce in risultato del lavoro della Natura durato oltre 100 milioni di anni: Pietraroja oggi si trova a circa 850 metri d’altezza sul livello del mare, ma in quell’epoca remota era una piccola … laguna, nell’ambito di un ecosistema tropicale, popolata da pesci, rettili ed anfibi. In altre parole: dove oggi c’è la roccia calcarea della “Civita”, in un tempo lontanissimo v’era uno specchio d’acqua salmastra nel quale si depositavano preziosi ittioliti e resti fossilizzati della flora. Tutto questo materiale, ricoperto da fango calcareo, nel corso di un processo lunghissimo, si trasformò in pietre, incapsulando le creature viventi di allora. Tra queste, v’era un cucciolo di dinosauro, scoperto circa trent’anni fa, da un paleontologo dilettante. Si trattò di un rinvenimento di eccezionale rilievo scientifico: fu il primo dinosauro rinvenuto in Italia e l’unico al mondo che reca ben visibili ancora le parti molli, che hanno consentito di acquisire nuove conoscenze su quegli animali preistorici. Al fossile fu attribuito il nome scientifico di “Scipionix Samniticus”, ma tutto lo chiamano “Ciro”.

Il Paleolab è fondato sulla divulgazione e la didattica: consente di giocare e, giocando, di apprendere nozioni di paleontologia, il tutto curato, con l’abituale rigore e serietĂ , dal prof. Paco Lanciano, il fisico che collabora da sempre alla fortunata trasmissione televisiva “Superquark”, firmata da Piero Angela.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628