Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Coldiretti, Masiello: ‘Aumento benzina del 17,4 per cento in un anno’

Scritto da il 2 marzo 2012 alle 17:59 e archiviato sotto la voce Foto, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Coldiretti, Masiello: ‘Aumento benzina del 17,4 per cento in un anno’

Il prezzo del pieno per una automobile media (50 litri) ha superato i 90 euro per effetto dell’aumento del prezzo della benzina del 17,4 per cento in un anno e la situazione è ancora più pesante per il gasolio destinato all’autotrasporto che è rincarato del 25,2 per cento, con il costo familiare per trasporti, combustibili ed energia elettrica che ha superato quello per alimenti e bevande.
E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento al nuovo record raggiunto dal costo dei carburanti con il prezzo di un litro di benzina che ha infatti scavalcato abbondantemente anche quello di un chilo di pasta o di un litro di latte fresco.
“In un Paese come l’Italia – commenta il presidente provinciale della Coldiretti Gennaro Masiello – dove l’88 per cento dei trasporti commerciali avviene per strada il record dei prezzi dei carburanti ha un effetto valanga sulla spesa con un aumento dei costi di trasporto oltre che di quelli di produzione, trasformazione e conservazione. Benzina, trasporti e logistica – conclude Masiello – incidono complessivamente per circa un terzo sui costi della frutta e verdura e, solo nelle campagne, il caro gasolio ha provocato un aggravio di costi stimabile in 400 milioni di euro su base annua”.
“A subire gli effetti del record nei prezzi – spiega il direttore della Coldiretti sannita Luigi Auriemma – è però l’intero sistema agroalimentare dove si stima che un pasto percorra in media quasi 2mila chilometri prima di giungere sulle tavole. Anche per effetto del record fatto segnare dalla benzina e dal gasolio, la spesa a chilometri zero con prodotti locali è aumentata 33 volte di più di quella nei discount e realizza la migliore performance tra tutte le forme distributive. L’aumento dei prezzi dei carburanti influenza la spesa degli italiani che in misura crescente scelgono prodotti locali e di stagione”.
A fronte di una crescita degli acquisti di appena l’1,6 per cento nei discount alimentari nell’ultimo anno, la spesa nei mercati degli agricoltori dove si vendono solo prodotti a chilometri zero ha fatto segnare un aumento del 53 per cento.
“L’aumento del costo dei carburanti – conclude Auriemma – determina un effetto valanga sulla spesa ed è per questo che in molti hanno rinunciato all’acquisto di prodotti fuori stagione provenienti da migliaia di chilometri di distanza che oltre a far saltare i budget familiari sono poco gustosi e saporiti, essendo stati raccolti ad un grado di maturazione incompleto per poter resistere a viaggi di migliaia di chilometri percorsi su mezzi inquinanti che liberano nell’aria gas ad effetto serra”.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628