Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Concorso Enologico Nazionale ‘Bacco e Minerva’, cala il sipario sulla 10° edizione

Scritto da il 28 marzo 2011 alle 11:32 e archiviato sotto la voce Attualità, Foto. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Concorso Enologico Nazionale ‘Bacco e Minerva’, cala il sipario sulla 10° edizione

Nella incantevole e prestigiosa cornice del MUSA (Museo della Tecnica e del Lavoro in Agricoltura), si è conclusa sabato, la 10° edizione del Concorso Enologico Nazionale “Bacco e Minerva” organizzata dall’Istituto “Galilei – Vetrone” di Benevento.
Pienamente soddisfatte le delegazioni ospitate provenienti da tutta Italia, hanno avuto modo di apprezzare l’ospitalità sannita curata in ogni minimo particolare dalla impeccabile organizzazione del “Vetrone” e degustare, accanto agli eccellenti vini che il nostro territorio offre, piatti tipici sanniti accuratamente preparati dal personale di cucina e di convitto dello stesso Istituto con la guida del Direttore della sede Carmine Antonio Molinaro.
Nella gremita sala convegni del MUSA, il dirigente scolastico dell’Istituto “Galilei Vetrone” Grazia E. Pedicini ha aperto e presieduto i lavori divisi in tre sessioni.
Nella prima sessione è stata ricordata la figura di Gaetano Cannizzaro, ispettore ministeriale che insieme all’ispettore Giuseppe Murolo ha ideato il Concorso “Bacco e Minerva”. Ricorrendo il decennale della manifestazione è stata presentata, proprio dall’ispettore Murolo, una pubblicazione in ricordo di Cannizzaro ad opera di G. Murolo e G. Vignola. Vistosamente commosso, Murolo ha ricordato le varie tappe del concorso, nato nel 1983 come “Bacco” e ripetuto negli anni per 5 edizioni. Nell’anno 2001-2002, con Cannizzaro, fu ripristinato il concorso con l’aggiunta del premio “Minerva” e si ebbe la prima edizione dell’attuale concorso “Bacco e Minerva” ininterrottamente portato avanti fino ad oggi grazie all’impegno del MIUR e della FEDERDOC. Presente anche Angela Palamone, moglie dell’Ispettore Cannizzaro ed oggi Direttore Generale MIUR, la quale ha ricordato i passi che Gaetano Cannizzaro ha compiuto anche nel settore agrario accanto all’Ispettore Murolo e ha ringraziato per l’affetto con cui oggi è stato ricordato. Non ha fatto mancare la presenza ai lavori anche per l’affetto e l’amicizia che lo legava a Gaetano Cannizzaro, il neo Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Campania Diego Bouché, per la prima volta presente pubblicamente in provincia di Benevento nelle vesti di Direttore Generale, il quale da buon conoscitore dei problemi della scuola campana sicuramente contribuirà al suo miglioramento ed al suo ulteriore sviluppo. Renato Parisio, Dirigente Scolastico dell’IIS “Umberto I” di Alba, ha presentato un lavoro voluto dal MIUR in occasione del decennale, nel quale vengono abbinati delle pietanze ai vari vini vincitori nelle scorse edizioni.
Successivamente ha preso corpo la seconda sessione, una tavola rotonda sul tema: “ASPETTI DELL’ISTRUZIONE E FORMAZIONE DEL SETTORE AGRARIO”. Stimolati dalla Preside Grazia Pedicini che ha guidato con equilibrio i lavori, i partecipanti alla tavola rotonda hanno avuto modo di evidenziare luci ed ombre dei vari livelli dell’istruzione e formazione. Damiana Tervilli, Dirigente Scolastico dell’IIS “Cerletti” di Conegliano (TV) ha evidenziato gli aspetti critici della riforma degli istituti tecnici. Piero Maffeis, Dirigente Scolastico dell’IIS “Dandolo” di Corzano (BS) ha, invece, illustrato i nuovi aspetti dell’istruzione professionale e della istruzione e formazione professionale, riportando l’esempio della sua Regione, la Lombardia che a suo dire ha fatto scelte radicali a sostegno delle seconda. A Carmine Agostinelli, Presidente dell’Università Popolare del Fortore ed a Vito Savino, Preside della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Bari, il compito di affrontare gli aspetti della formazione post diploma. Agostinelli che dapprima ha ringraziato la Regione Campania nella persona dell’Assessore Severino Nappi per la vicinanza dimostrata a più riprese nei confronti del territorio sannita e del settore primario, ricordando la Delibera di Giunta Regionale 949 del 21 dicembre scorso con la quale la Regione Campania ha riconosciuto l’Istituto Galilei Vetrone come scuola di riferimento dell’unico ITS Agroalimentare della Regione Campania, ha evidenziato gli aspetti positivi e negativi dei percorsi IFTS citando anche le modifiche intervenute con le linee guida degli Istituti Tecnici Superiori. Savino ha confidato di credere molto nei nascenti ITS ed ha bacchettato i suoi colleghi, gli accademici, invitandoli a non commettere gli stessi errori che affossarono i Diplomi Universitari. Ha concluso i lavori della tavola rotonda l’Assessore Regionale al Lavoro e Formazione Professionale, Severino Nappi il quale ha ringraziato l’organizzazione per il positivo momento di confronto vissuto e indicato il percorso che la Regione intende seguire sul tema, attraverso costanti momenti di confronto. Nappi che è l’autore dell’apprezzato piano regionale “Campania al lavoro” ha sottolineato l’importanza di un sistema integrato e sinergico tra mondo della formazione, dell’istruzione e del tessuto produttivo, laddove il contatto non può avvenire casualmente o saltuariamente ma occorre renderlo permanente.
La terza ed ultima sessione ha riguardato la premiazione dei vincitori nei diversi concorsi. Antonio Scinicariello del MIUR ha condotto la premiazione del concorso “Minerva”.
Per la sezione Istituti Enologici sono stati assegnati i seguenti premi:
1° CLASSIFICATO Giacomo Abate dell’ IISS “Damiani” di Marsala con la ricerca denominata “progetto sulla enogastronomia”.
Per la sezione Istituti Agrari sono stati assegnati i seguenti premi.
1° CLASSIFICATO – Melissa Intelisano, Giuseppe Zingale e Gabriele Arcadia dell’IPSAA “Mazzei” di Giarre con la ricerca denominata “ci crederesti che l’asino vola?”
Fulvio Comandini ed Ettore Pisani, entrambi della FEDERDOC hanno condotto la premiazione del concorso “Bacco” e “Bacco Giovani” i cui vincitori nelle diverse categorie sono stati i seguenti:
VINI BIANCHI DOC e DOCG
1° CLASSIFICATO I.I.S.S. “Vegni” Capezzini – Cortona (AR) con il CORTONA – CHARDONNAY DOC 2009

VINI ROSSI DOC e DOCG
1° CLASSIFICATO I.I.S.S. “Dandolo” – CORZANO (BS) con L’ERMELLINA CAPRIANO DEL COLLE DOC 2009

VINI BIANCHI IGT
1° CLASSIFICATO I.I.S.S. “Damiani” MARSALA (TP) – con il CHARDONNAY 2010

VINI ROSSI IGT
1° CLASSIFICATO I.I.S.S. “Eredia” – CATANIA con il SICILIA IGT “EREDIA”

VINI ROSATI
1° CLASSIFICATO I.P.S.A.A. “ Fortunato” – POTENZA con il BASILICATA IGT 2010

VINI SPECIALI
1° CLASSIFICATO – I.I.S.S. “Cerletti” – CONEGLIANO (TV) – con PASSIONE VINO LIQUOROSO DOLCE

MENZIONE CATEGORIA SPUMANTI
I.I.S.S. “Umberto I” – ALBA (CN) con SPUMANTE V.S.Q.

“BACCO GIOVANI – CATEGORIA UNICA”
Vino Bianco IGT prodotto dall’ I.I.S.S. “D’Aquilea” di Cividale del Friuli (UD)

Vincitore assoluto della Manifestazione, per aver raggiunto il punteggio più alto tra tutte le categorie, è risultato essere l’ I.I.S.S. “Dandolo” di CORZANO (BS) con L’ERMELLINA CAPRIANO DEL COLLE DOC 2009, a cui l’Istituto Vetrone ha passato il testimone per l’organizzazione dell’11^ edizione “Bacco e Minerva 2012”.

Ha concluso i Lavori Antonio Lo Bello, Dirigente MIUR della Direzione Ordinamenti Scolastici, il quale, ricordando anch’egli l’amico e collega Gaetano Cannizzaro, ha ringraziato l’Istituto Vetrone per l’ottima organizzazione del decennale.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628