Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

La Solot in scena questa primavera con due sue produzioni.

Scritto da il 28 marzo 2011 alle 11:10 e archiviato sotto la voce Attualità, Cultura & Spettacoli, Foto. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

La Solot in scena questa primavera con due sue produzioni.

Due momenti d’eccezione per l’affermata compagnia teatrale sannita che tra Torino e Napoli, da nord a sud dell’Italia è impegnata, in un momento così difficile per il mondo della cultura italiana, a portare avanti progetti ed iniziative originali.
Mercoledì 30 marzo ore 21 e giovedì 31 marzo ore 23,30 presso il Teatro Cavallerizza Reale Torino. Progetto realizzato con il contributo del Sistema Teatro Torino e Regione Piemonte. XXXI Festival Benevento Città Spettacolo – Una coproduzione Teatro delle Forme e Solot Compagnia Stabile di Benevento La parola ultima liberamente ispirato a The rest is silence di Miklòs Hubay, drammaturgia e regia Antonio Damasco, consulenza linguistico-letteraria Valter Giuliano, con Laura Conti, Michelangelo Fetto, Antonio Intorcia,. aiuto regia Valentina Padovan, scenografie e costumi Daniela Donatiello, responsabile tecnico Bruno Ferreira da Vega.
Un’opera teatrale tremendamente moderna per descrivere una realtà passata e presente a molti sconosciuta. Non sempre una lingua scompare per semplice abbandono, a volte, la sua sparizione coincide con la scomparsa dei suoi parlanti e con il genocidio.
L’opera narra la storia della giovane Aleluja, condannata a morte in quanto ultima rappresentante del suo popolo, un popolo ormai distrutto. Accanto a lei il suo carceriere, il cui nome è emblema della sua situazione; il Rinnegato nasconde, infatti, la sua appartenenza allo stesso popolo della condannata, ed ha rinunciato a parlare la sua lingua per salvarsi, egli afferma «io volevo restare in vita. Rinnegato è sinonimo di sopravvivenza». Ultimo personaggio è un inesperto gesuita che arriva per cogliere dalla bocca di Aleluja, prima che sia troppo tardi, le parole di quella lingua destinata ormai a scomparire.
Dal 31 marzo al 10 aprile al Teatro Mercadante-sala ridotto Il re muore di Eugène Ionesco con Andrea de Goyzueta, Francesca De Nicolais, Giovanni Del Monte, adattamento e regia Pino Carbone. Una produzione: Solot Compagnia Stabile di Benevento, o.n.g. Teatri, Etérnit, in collaborazione con: Tourbillon Teatro, Teatro Stabile di Napoli, Amministrazione: Paola Fetto, Segretria: Vera Di Dio, Organizzazione: Michelangelo Fetto, Tonino Intorcia
La natura del testo è racchiusa in una definizione espressa dall’autore: “Non ho mai capito la differenza tra comico e tragico. Essendo il comico l’intuizione dell’assurdo, esso mi sembra più desolante del tragico”. Nell’opera di Ionesco è l’umanità a confrontarsi con se stessa. L’uomo che si interessa agli uomini. Questo è anche il lavoro o l’attività principale di ogni artista, qualsiasi sia il linguaggio, la forma d’arte praticata e scelta. Questo è il processo creativo. Da qui, un lavoro, e di conseguenza una messa in scena, dove il presente è l’unica salvezza, dove bisogna avere la capacità di essere lungimiranti senza anticipare le soluzioni.
Per informazioni www.solot.it – 082447037.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628