Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Coldiretti, Masiello: ‘Guerra biologica all’insetto killer dei castagni’

Scritto da il 27 giugno 2011 alle 18:16 e archiviato sotto la voce Foto, Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Coldiretti, Masiello: ‘Guerra biologica all’insetto killer dei castagni’

La decisione presa dal tavolo sull’emergenza castagni promosso dal ministero delle politiche agricole di mettere a disposizione dei fondi per avviare la lotta biologica all’insetto killer che distrugge gli alberi e formare gli operatori incaricati di svolgerla nelle regioni colpite e’ un primo risultato positivo per la salvaguardia di un settore importante per l’economia e l’ambiente.
E’ quanto afferma il vicepresidente della Coldiretti Gennaro Masiello che e’ sceso in piazza insieme a centinaia di agricoltori di Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Campania e Calabria.
L’avvio di una capillare guerra biologica all’insetto killer attraverso lo sviluppo e accurata diffusione dell’insetto Torymus sinesi, che e’ l’antagonista naturale del Drycosmus kuriphilus (il Cinipide galligeno del castagno), e’ al momento – sottolinea la Coldiretti – l’unica strada percorribile per difendere i 780mila ettari di boschi di castagno presenti in Italia.
Chiediamo tuttavia – aggiunge Masiello – un incremento delle risorse a disposizione per affrontare l’emergenza e compensare la perdita di reddito delle imprese che rischiano di dover abbandonare i castagneti con pesanti ripercussioni, oltre che sotto il profilo economico, anche sotto quello sociale e ambientale.
Tra le richieste presentate, per le quali si è registrata la sensibilità da parte del ministero, abbiamo la lotta biologica, il ristorno alle aziende colpite dalla crisi e l’intensificazione dei controlli alle frontiere per evitare che il prodotto importato possa sostituire il prodotto nazionale passando per italiane castagne che provengono dall’estero.
Sono circa in 34.000 le aziende agricole interessate grazie alle quali – afferma Coldiretti – si sviluppa un filiera che offre opportunità di occupazione a 100.000 i lavoratori.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628