Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Autorizzazioni sismiche, l’Ance Benevento: ‘Un disastro annunciato’

Scritto da il 25 febbraio 2011 alle 20:36 e archiviato sotto la voce Attualità. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

‘La problematica relativa ai ritardi nel rilascio della autorizzazioni sismiche da parte degli uffici del Genio Civile – scrive in una nota Silvano Capossela – Presidente di Ance Benevento – potrebbe rappresentare un caso di studio di come non risolvere i problemi.

E’ un raro esempio di come politica e burocrazia siano riuscite, dopo mesi di annunci, smentite e dichiarazioni a non trovare alcuna soluzione ad una problematica che sta pesantemente condizionando l’intero comparto dell’edilizia pubblica e privata in un periodo di per se già difficile per la crisi economica in atto.

Tutto inizia con la sentenza della Corte Costituzionale n.182 del 20 aprile 2006, che ha ribadito il principio giusto e incontestabile di prevedere nelle leggi regionali un regime autorizzativo che elimini il sistema di controllo a campione e proceda alla verifica di tutti i progetti.

La Campania con legge regionale n.19/2009 è stata una delle prime regioni a varare una norma che, dalla sera alla mattina, ha introdotto per le zone a media ed alta sismicità (per le opere infrastrutturali strategiche anche nelle zone a bassa sismicità) il controllo preventivo su tutte le denunce finalizzate ad ottenere l’autorizzazione sismica.

La Giunta Regionale, nonostante i segnali di difficoltà, chiari sin dall’inizio, dopo due mesi dall’entrata in vigore della normativa, vara il regolamento di attuazione n.4/2010 che conferma l’obbligo del controllo tecnico preventivo su tutti i progetti per il rilascio delle autorizzazioni.
Quando nell’estate scorsa la situazione si manifesta in un tutta la sua complessità iniziano le manovre di “aggiustamento”.

Da qui una integrazione al regolamento n.4, varata dalla Giunta nell’ottobre 2010, che introduce una norma transitoria (valida fino al 31/12/2011) volta ad accelerare il rilascio delle autorizzazioni coinvolgendo il collaudatore in corso d’opera.

Inizia così una lunga attesa da parte degli operatori, costretti ad aspettare il passaggio in Consiglio Regionale, avvenuto in verità in tempi relativamente rapidi il 10 novembre u.s. Se non fosse che il Consiglio invece di limitarsi a dare un semplice OK di routine, decide di apportare piccole modifiche che costringono il provvedimento a ritornare in Giunta Regionale, ma dopo che l’ufficio legislativo della Regione Campania ha dichiarato (e pubblicato vedi BURC del 21 febbraio) l’illogicità delle modifiche apportate (che pretendevano di modificare una legge regionale con disposizioni regolamentari).

Finalmente il 21 febbraio trovano pubblicazione le tanto agognate integrazioni al regolamento n.4, che, tuttavia, per entrare in vigore devono ancora attendere il decreto da parte del Presidente della Giunta Regionale.

Sembra che la questione si stia avviando ad una soluzione….ma nell’analizzare la norma integrativa del regolamento ci accorgiamo che in realtà essa vale solo per una piccola parte di lavori restando escluse tutte le opere strategiche, tutte le sopraelevazioni e tutte le opere pubbliche che possano avere un particolare interesse per la collettività.

Dopo circa 14 mesi dall’entrata in vigore della legge siamo dunque al punto di partenza.

E allora a nome dell’ANCE e di tutte le imprese, mi chiedo se non era possibile prevedere tutto ciò, se non era possibile attrezzarsi in altri modi, se non era possibile integrare da subito il personale degli uffici con i tecnici delle c.d. short list’.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628