Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Sant’Agata, gli auguri pasquale del Sindaco Valentino ai dipendenti ed alla città

Scritto da il 22 aprile 2011 alle 17:34 e archiviato sotto la voce Foto, Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Sant’Agata, gli auguri pasquale del Sindaco Valentino ai dipendenti ed alla città

Con un messaggio fatto di riflessioni e di auspici, presso la Sala Consiliare di palazzo San Francesco, questa mattina il Sindaco Carmine Valentino ha salutato i dipendenti comunali in occasione della Santa Pasqua. Un discorso sentito che ha toccato argomenti e temi importanti per la città. Preoccupazione per la crisi profonda che il paese stà attraversando ma anche grande ottimismo per una ripresa che passa attraverso l’impegno dei singoli e lo spirito di collaborazione. Un impegno fatto di lavoro e sacrificio per tutti. Parole quantomai significative che precedono una ricorrenza che fà del sacrificio stesso la sua essenza. Il bene comune come leitmotiv per i mesi a venire.

“La bella consuetudine di incontrarci per lo scambio degli “Auguri”, queste le prime parole del Sindaco rivolte ai dipendenti in una sala Consiliare gremita, mi offre l’opportunità di ringraziarvi innanzitutto per la leale collaborazione ed il senso di responsabilità dimostrato sia nell’adempimento dei vostri compiti che nei confronti di questa “Amministrazione”. Quella di oggi è anche l’occasione giusta per fare un rapido excursus sull’ultimo periodo della gestione politico- amministrativa. E’ a tutti noto che questo è stato un periodo difficile, caratterizzato da una forte e preoccupante crisi finanziaria ed economica. Un grande sforzo è stato compiuto e importanti risultati sono stati raggiunti ma non dobbiamo abbassare la guardia ma stare sempre all’erta. Il tessuto più ampio e profondo della “Società” ha reagito alla crisi con intelligenza , duttilità e senso di responsabilità. Perciò possiamo guardare con fiducia ai mesi a venire. Le priorità, oggi più che mai, devono essere i più deboli, le fasce penalizzate, le famiglie con più figli, gli anziani, i giovani. Mi sento vicino alle famiglie monoreddito e numerose, sulle quali pesa la difficoltà, per le donne in particolare, di trovare lavoro e che non hanno un reddito adeguato a soddisfare i bisogni fondamentali. Pensiamo solo a quanto soffrono i bambini in questi casi. Sono troppe le persone e le famiglie che stanno male, bisogna fare tutto il possibile, mettendoci tutto l’impegno affinché questo numero non aumenti, anzi diminuisca. Sono queste le fasce sociali e le questioni che richiedono di essere al centro dell’attenzione politica e sociale e quindi all’attenzione amministrativa. Un pensiero particolare va ai giovani. C’è una cosa che non ci possiamo permettere, correre il rischio che i giovani si scoraggino, non vedendo la possibilità di realizzarsi e di avere un’occupazione e una vita degna nel loro, nel nostro “Paese”. Ci sono nelle nuove generazioni riserve magnifiche di energia, di talento, di volontà. Io ci credo. Io ci credo perché ho visto di persona come questi giovani sono capaci di esprimersi in modo ammirevole ogni qualvolta vengono messi nelle giuste condizioni. A noi i giovani chiedono solo opportunità, e noi abbiamo il dovere di offrirgliele. Oggi considero importante che il richiamo alla solidarietà e ai valori morali avvenga con un’unica voce che raccoglie religiosi e laici, chiesa e istituzioni civili. Il vostro compito essendo è quello di tenere sempre alto l’impegno e la disponibilità nel soddisfare le piccole-grandi esigenze dei nostri concittadini, cercando, nei limiti del possibile, di agevolarli nella soluzione dei problemi di tutti i giorni, dando cosi un senso di responsabilità e sicurezza. Non dimentichiamo mai che rappresentiamo, così come più volte ho avuto modo di ribadire, un’istituzione al servizio della collettività. L’ appello al senso di responsabilità lo faccio chiaramente, innanzitutto, alla classe politica, alla quale non dimentico di appartenere, ma anche a tutte le componenti della vita economica ed sociale.
In altre parole per la realizzazione del “bene comune” ognuno di noi deve fare la sua parte, guardando avanti con realismo e fiducia. In conclusione mi è gradito rivolgervi, a nome dell’Amministrazione e mio personale, i più fervidi voti augurali per una serena Pasqua e sentiti auspici di benessere per le vostre famiglie”.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628