Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

De Caro: ‘La Regione faccia sforzi finanziari strutturali per creare sviluppo’

Scritto da il 21 settembre 2011 alle 19:04 e archiviato sotto la voce Attualità. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Benevento, come sito UNESCO, dovrà essere rappresentata nel consiglio di Amministrazione della Fondazione del Forum delle Culture ma dovrà anche essere coprotagonista degli oltre cento eventi che si svolgeranno in Campania. E la Regione, anche su questo versante dovrà giocare un suo ruolo, anche finanziariamente forte. Una presenza peraltro obbligata dato il riconoscimento dell’importante assise internazionale

E’ quanto sostiene in una nota l’on. Del Basso De Caro, vicecapogruppo PD al Consiglio regionale della Campania che fa anche alcune osservazioni in merito all’incontro con il Governatore Caldoro.

“Ripensare complessivamente le politiche di bilancio della Regione Campania: è questo il primo passo Da compiere – secondo l’esponente PD -assieme ai tagli ed alle economie dovute al patto di stabilità. E’ necessario definire percorsi diversi per le politiche di sviluppo.

Se tutta la filosofia del bilancio – prosegue il deputato regionale – finisce nel tritacarne dei tagli e del risparmio, per anni la regione Campania resterà strozzata ad un palo che già la opprime in maniera violenta. Caldoro, nel corso dei due incontri avuti a Benevento, non ha fatto altro che ripetere che soldi non ce ne sono: cosa della quale, peraltro, erano e sono tutti convinti i partecipanti al summit. Non per questo, anche da parte dei rappresentanti delle opposizioni, a Napoli come a Roma, qualcuno si era fatto soverchie illusioni.

Ma uno sforzo in più si può e si deve chiedere sottolinea l’on. De Caro: a partire dal fatto che i conti si fanno scindendo i due obiettivi finali quello della spesa corrente e quello della spesa per investimenti.

E’ il caso del Sannio: gli investimenti per le infrastrutturazioni richieste non possono entrare nel calderone di un bilancio regionale che fa acqua da tutte le parti. Se, come è apparso evidente – conclude De Caro – due direttrici di sviluppo come il raddoppio della Benevento Caianello e l’Alta Capacità necessitano di interventi non particolarmente onerosi da parte della Regione, ben diverso è il completamento della Fortorina, la realizzazione della piattaforma logistica.

In questi casi, a fianco dei privati, è necessario che la Regione faccia sforzi finanziari strutturali in grado di creare sviluppo, non solo di ripianare i bilancio a discapito delle popolazioni dell’intera regione con mezzi propri’.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628