Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

A Ponte si è tenuto il Primo Pellegrinaggio degli immigrati

Scritto da il 20 giugno 2011 alle 12:22 e archiviato sotto la voce Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

A termine dell’anno di attività pastorale della Migrantes Regionale è stato realizzato il Primo Pellegrinaggio degli immigrati delle 24 diocesi della Regione Campania.
Hanno partecipato 250 immigrati delle diocesi di Salerno, Teggiano – Policastro, Avellino, Cerreto Sannita. Capua, Pompei ecc. Gli Immigrati tutti giovani erano dell’India, della Libia, della Nigeria e delle zone sub sahariane. Sono rimasti contenti e soddisfatti, hanno animato la santa messa con canti bellissimi etnici ma soprattutto hanno partecipato alla celebrazione con grande devozione, dando una forte testimonianza di fede.
A celebrare la santa messa è stato sua eccellenza monsignor Bruno Schettino, Arcivescovo di Capua; vescovo delegato della Migrantes Regionale e Presidente della Commissione Nazionale Migrantes e della Fondazione Migrantes.
Ad intervenire in merito all’iniziativa è il parroco di Ponte don Alfonso Calvano che ricopre anche il ruolo di direttore regionale Migrantes. “Questo primo Pellegrinaggio degli Immigrati organizzato dalla Migrantes Regionale al Santuario della Madonna di Pompei, al termine di quest’anno di attività pastorali, – afferma don Alfonso Calvano – può avere come slogan ‘scatena la vita’, cioè la voglia che abbiamo tutti insieme come chiesa di liberare la nostra vita dalle catene della paura. Una vita da custodire, difendere, amare, progettare, accogliere, scegliere una vita da scatenare in tutta la sua portata umana e spirituale per costruire un futuro diverso. Sono sentimenti di filiale devozione e di riconoscente stima: è gioia di cuori, è festa di popolo. E’ la consapevolezza di accogliere Cristo per mezzo di Maria, nella Sua persona un successore degli Apostoli che viene a rafforzare la fede, a ravvivare la speranza e a sollecitare una coerenza cristiana più puntuale per una vita umana più piena e più degna.
La nostra Chiesa – continua don Alfonso – non vuole formulare grandi progetti pastorali e nemmeno cadere nelle insidie della ricerca della visibilità; vuole solamente annunciare Gesù Cristo nella quotidianità, puntare sulla pastorale ordinaria da portare avanti in modo straordinario: la qualità, anziché la quantità. In questo modo la Chiesa – dichiara ancora don Alfonso – diventa credibile, piccolo lievito che fermenta la pasta.
Ora tutti auspichiamo che questo pellegrinaggio segni l’ora felice “di gettare le reti nel nome del Signore e di andare al largo”, l’ora di grazia in cui la comunità si senta scossa da una tensione missionaria più viva, più coraggiosa, più operosa nell’accogliere e integrare i nostri fratelli di cultura diversa per essere Chiesa una e santa”.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628