Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

A confindustria Nappi ha presentato il Piano Campania al Lavoro

Scritto da il 16 marzo 2011 alle 12:12 e archiviato sotto la voce Lavoro. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Si è tenuto ieri, presso la Sala Assemblea di Confindustria Benevento, l’incontro con l’Assessore al Lavoro – Formazione e orientamento professionale – Politiche dell’emigrazione e dell’immigrazione, della Regione Campania, Severino Nappi, per la presentazione al territorio del Piano Campania al Lavoro, varato per agevolare l’accesso al lavoro.
Giuseppe D’Avino, ha introdotto i lavori e, dopo aver salutato la platea ed aver ringraziato, per la sua presenza l’onorevole Sandra Lonardo Mastella, ha voluto ricordare che quello del lavoro è sicuramente uno degli fattori più importanti per il sistema economico di un territorio pertanto – ha dichiarato D’Avino – confidiamo che queste misure possano portare ad un risultato, anche perché vanno ad aiutare le categorie un po’ più deboli quali: i giovani, i disoccupati di lunga durata eccetera. D’Avino ha sottolineato che questo strumento rappresenta un tassello fondamentale ma non è l’unica iniziativa che consentirà di superare la crisi e ha voluto quindi lanciare un appello << abbiamo necessità di un disegno di politica industriale regionale importante, abbiamo bisogno che vengano completate le infrastrutture per le quali sono state allocati i fondi FAS (che pare non ancora riusciamo ad utilizzarli in questo senso) e che vengano finalmente liberate le risorse relative ai progetti dei Programmi POR che imprenditori della provincia di Benevento hanno già iniziato ad effettuare come investimento ma che ancora non trovano soddisfazione dal punto di vista della contribuzione regionale>>.
L’Assessore Nappi ha sottolineato: <>
A Nappi abbiamo voluto chiedere quali i passi successivi<< bisogna fare un lavoro di squadra e di sinergia: la disponibilità dell’Assessorato al lavoro e del presidente Caldoro c’è tutta, bisogna lavorare insieme mettendo insieme sviluppo, formazione, lavoro, innovazione e ricerca scientifica. Noi siamo un po’ più avanti, sicuramente arriveranno anche gli altri, lo sforzo è innanzitutto di puntare al nostro tessuto produttivo, nel senso che la politica deve capire che si deve relazionare con chi lavora. Chiedere che cosa c’è bisogno di fare e impegnarsi concretamente per farlo: Campania lavoro è il primo concreto esempio che pone in essere questo tipo di politica e vorrei dire che è la prima volta che accade in Campania. Sono contento che questo sia percepito dalle nostre imprese e non è un caso che Campania lavoro è stato approvato da tutte le parti sociali, da tutte le associazioni datoriali e da tutte le associazioni sindacali. Non c’è sigla, non c’è colore, perché quando si lavora insieme per un obiettivo che è il miglioramento della comunità, il raggiungimento di risultato concreti e seri, sicuramente c’è consenso. >>
E’, infine, intervenuto il delegato alla formazione Mario porcaro che ha voluto rivolgere un appello particolare all’assessore Severino Nappi, vale a dire di integrare le risorse regionali con i fondi interprofessionali per la formazione, affinché l’impresa presenti un unico piano formativo, rivolto sia ai lavoratori (come risorse di Fondi impresa), sia ai lavoratori atipici che agli imprenditori. Perché riteniamo che sia necessario che anche l’imprenditore possa utilizzare le risorse regionali per la propria formazione e questo in particolar modo per le piccole e le micro aziende con lavoratori dipendenti fino a 9 unità>>.
SCHEDA TECNICA CAMPANIA AL LAVORO
Campania al lavoro è una iniziativa regionale volta ad agevolare l’inserimento o il reinserimento al lavoro attraverso procedure trasparenti e rapide di accesso agli incentivi.
Il piano, composto da diversi interventi agevolativi, è indirizzato a giovani, donne, inoccupati e disoccupati di lunga durata, con uno sguardo anche agli immigrati regolarizzati, senza ancora una vera professione.
Il minimo comune denominatore del piano è accorciare le distanze tra chi cerca lavoro e chi lo offre o può offrirlo.
Sono già in corso, dall’inizio 2011, le prime misure che investono oltre 76 milioni di euro per 18 mila soggetti coinvolti.
La misure sono:
- Più sviluppo più Lavoro che prevede reali occasioni di lavoro messe a bando per disoccupati di lunga durata e inoccupati da almeno 12 mesi.
- Cig più, rivolta ai beneficiari di trattamenti di mobilità in deroga;
- Minimi termini destinata ai lavoratori con contratti atipici;
- Più apprendi più lavoro diretto ai giovani che vogliono accedere all’apprendistato professionalizzante;
- Primimpresa OOSS riguarda gli operatori socio-sanitari disoccupati.
Infine fortemente innovativa è la misura Integrazione e regolarizzazione del lavoro degli immigrati.
Per la partecipazione è necessaria l’iscrizione presso la segreteria organizzativa di Confindustria Benevento.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628