Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Assemblea Delegati Sindacali forestali FAI CISL, EE.DD. Sanniti

Scritto da il 16 gennaio 2011 alle 12:17 e archiviato sotto la voce AttualitĂ , Lavoro. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Come è noto la situazione dei lavoratori forestali sanniti e della Campania è diventata insostenibile. Per essa occorrono iniziative urgenti ed indifferibili. Gli Enti Delegati non hanno ancora provveduto al pagamento di tutte le spettanze maturate nel corso del 2010 mentre, a causa dell’incertezza sulle risorse finanziarie del 2011 – da un lato – c’è il rischio di non assunzione dei lavoratori a tempo determinato e – dall’altro – di licenziamento di quelli a tempo indeterminato. La somma prevista nel bilancio di previsione della Regione Campania per il settore è di una decina di milioni di euro a fronte dei 110 milioni di euro occorrenti e necessari per la tutela, salvaguardia e protezione del territorio montano e per garantire il lavoro ai circa 800 lavoratori sanniti su un totale di circa 5.000 al livello regionale. Per queste motivazioni e per sollecitare la Regione Campania alla rimodulazione finanziaria del “piano forestazione 2011” la FAI CISL sannita ha chiesto la costituzione del tavolo istituzionale di crisi del settore. Oltre che una verifica complessiva, sia per la tutela dell’occupazione che per la salvaguardia del territorio della provincia di Benevento. Come più volte evidenziate dalla FAI-CISL del Sannio per “stabilizzare” seriamente la Tutela del Territorio Sannita e della Campania occorrono iniziative, forti, mirate, urgenti e condivise! L’Amministrazione Provinciale di Benevento, responsabile e sensibile alla questione sollevata dal Sindacato ha comunicato la propria condivisione ed adesione convocando, su richiesta della FAI-CISL, il predetto tavolo istituzionale la cui prima seduta avverrà lunedì 17 gennaio prossimo presso la Rocca dei Rettori. Al tavolo non stati invitati i Consiglieri regionali sanniti Luca Colasanto, Umberto Del Basso De Caro, Sandra Lonardo Mastella e tutti i Presidenti della Comunità Montane del Sannio e le federazioni sindacali di categoria, per esaminare le questioni sopra evidenziate, e tracciare una piattaforma comune per il settore della forestazione. Prima dell’incontro alla Rocca dei Rettori, la FAI CISL Sannita, ha programmato una riunione dei Delegati di Cantiere di tutti gli Enti delegati: Provincia, STAPF, Comunità Montana: Fortore, Titerno-Alto Tammaro e Taburno, per lunedì 19 alle  9,00 presso sede della FAI CISL di Benevento, sala “Giulio Pastore” via N. da Monteforte,1- per una ricognizione con i Delegati e definire il percorso da tracciare nell’incontro con le istituzioni locali e regionali. I lavoratori del settore aspettano iniziative serie e costruttive per scongiurare una situazione che provocherebbe non solo altra disoccupazione (in una provincia come quella Sannita già vicina al collasso) ma anche il definitivo abbandono e degrado di un territorio bisognevole di prevenzione e salvaguardia, in quanto bene collettivo. Inoltre, sollecitano la fissazione di un incontro, già richiesto al Presidente della Giunta Regionale On. Stefano Caldoro dalle OO.SS. di categoria, unitamente agli Assessori regionali dell’Agricoltura, dei Lavori Pubblici, dell’Ambiente e Protezione Civile al fine di esaminare l’intera problematica in prospettiva dell’emergenza ma anche e soprattutto in visione di una necessaria riforma complessiva, non più procrastinabile, dell’intero settore. Il Governo Regionale, la politica tutta, la collettività devono comprendere che la forestazione e i finanziamenti occorrenti devono rientrare in un piano ordinario e non straordinario. Non è più sostenibile ed accettabile che la politica e l’opinione pubblica si accorgano soltanto all’indomani di un disastro naturale (smottamenti, frane, alluvioni, incendi) che esiste il problema della tutela idrogeologica del territorio! La cura, la manutenzione, la prevenzione e l’antincendio sono tutte attività prioritarie e primarie, per il nostro territorio regionale, ancor più per il Sannio a larga vocazione rurale. La manutenzione del territorio, la difesa del suolo e lo sviluppo dell’agricoltura protettiva e produttiva, ha tempi propri e rapidi: come l’esperienza ha dimostrato, spesso non si modella ai “tempi della politica”.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628