Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Festa nazionale dei giovani del PDL, Ricciardi: ‘I Candidati non più nominati dall’alto’

Scritto da il 12 settembre 2011 alle 20:30 e archiviato sotto la voce Attualità. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

In merito alla festa nazionale dei giovani del Pdl sono intervenuti Angelo Centrella, Coordinatore provinciale Azione Giovani del PDL e Luca Ricciardi, Presidente provinciale Giovane Italia e Capogruppo del PDL Provinciale.

‘Ieri mattina, con l’incontro con il segretario politico del PDL Angelino Alfano, si è chiusa “Atreju 2011”, l’annuale kermesse nazionale dei giovani del PDL.

Abbiamo scelto questo titolo “Fate largo all’Italia che avanza”, in un periodo di forte crisi e disincanto, per dare voce a un’Italia che chiede spazio, che non si rassegna alle vecchie logiche in cui troppo spesso rimane bloccato il nostro paese, che nutre l’ambizione di poter cambiare le cose attraverso una politica fatta di credibilità, di impegno, di valori, di merito.

Nel solco di una tradizione ormai decennale della destra politica, numerosa è stata la rappresentanza di giovani sanniti all’evento, guidati dal Presidente provinciale della Giovane Italia Luca Ricciardi: “Con Giorgia Meloni, riteniamo che questo non sia più il tempo di stare a guardare, ma di agire, anche con audacia, per provare a cambiare le cose. Abbiamo chiesto un partito che valorizzi il merito, che si fondi sulla credibilità offerta da tanti esempi di sana politica di chi fa gavetta sul territorio. C’è gente che ci crede per davvero, che lavora quotidianamente con grande dignità e sacrificio per la propria terra e la propria comunità.”

Dunque la Giovane Italia ha chiesto uno stop alle cooptazioni e alle nomine dall’alto, l’introduzione di un codice etico a garanzia di liste pulite e legalità interna, la reintroduzione della preferenza per scegliere da chi farsi rappresentare in Parlamento, una maggiore azione riformatrice a tutti i livelli per contrastare privilegi e baronie che bloccano il paese e per offrire maggiori opportunità e agevolazioni per le giovani coppie che decidono di metter su famiglia.

Grande attesa c’era per l’appuntamento di ieri mattina per il confronto con il segretario politico del PDL Angelino Alfano, ospite del Ministro Giorgia Meloni, al suo primo incontro ufficiale con i giovani del partito, primi fra tutti coloro che sono già impegnati nelle amministrazioni locali, chiamati a dare una spinta nuova per la ripartenza prevista in autunno.

Le attese non sono andate deluse. Alfano ha parlato del 2012 come un anno cruciale per il PdL, ricco di sfide e di scommesse, dall’elaborazione dei valori che devono animare l’impegno politico del partito alle sfide dell’attività di governo, dalla scrittura delle regole alla celebrazione dei congressi del PdL.

Rispondendo alle domande senza filtri poste dai ragazzi della Giovane Italia, disegna un PdL dove “tutti i candidati, a qualunque ruolo e carica, siano scelti grazie alla spinta dal basso e non più nominati dall’alto”. La scelta dei rappresentati è fondamentale “per riacquistare il contatto con gli elettori, e lo dimostrano le elezioni amministrative, dove soprattutto i candidati credibili e giovani conquistano grande consenso tra i cittadini”.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628