Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Apice, si è svolta la seduta del Consiglio Comunale

Scritto da il 12 gennaio 2011 alle 17:24 e archiviato sotto la voce AttualitĂ , Politica. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Sotto la presidenza di Mario Franci, questa mattina si è riunito il Consiglio Comunale di Apice. In apertura di seduta, la consigliera Maria Antonietta D’Oro ha comunicato ufficialmente la costituzione del gruppo consiliare del Partito Democratico affermando che “sono stata eletta nella maggioranza e confermo la volontà di continuare a condividere con l’Amministrazione le scelte che rispecchiano i valori condivisi con il mio partito. Un confronto quindi aperto, leale e collaborativi nelle decisioni condivisibili, con una posizione comunque altrettanto ferma e risoluta nelle situazioni e iniziative che ci vedranno su posizioni diverse”. Sulle dichiarazioni della consigliera D’Oro si è sviluppato un dibattito in cui è intervenuto innanzitutto il capogruppo del Popolo della Libertà Vincenzo Gitto il quale ha espresso apprezzamento per la costituzione di un gruppo consiliare che fa riferimento a un partito politico ma ha invitato l’Amministrazione a chiarire il ruolo del PD all’interno della maggioranza. La stessa richiesta è stata avanzata dal consigliere Filippo Iebba che ha anche auspicato momenti di confronto e collaborazione con la consigliera democratica. Il consigliere Raffaele Giardiello, invece, ha evidenziato che la maggioranza non ha alcun sbocco politico mentre il consigliere Angelo Maria Cammarano ha difeso la coerenza di quanti sono rimasti fedeli alla lista civica nella quale sono stati eletti dai cittadini. A seguire il presidente del Consiglio Comunale ha annunciato che il Ministero dell’Interno ha approvato il bilancio riequilibrato il quale, entro 30 giorni, sarà portato all’attenzione dell’assemblea per la presa d’atto. “Si tratta del primo passo verso il risanamento dell’Ente” ha detto con soddisfazione Franci prima di passare alla trattazione dell’interrogazione presentata dal consigliere Giardiello in merito ai costi di gestione della Tarsu (Tassa rifiuti solidi urbani). A rispondere è stato il sindaco Ida Antonietta Albanese che non ha mancato di snocciolare tutti i dati in possesso dell’Amministrazione dimostrando che il tributo copre al 90% i costi di gestione del servizio e che, in ogni caso, questi saranno messi all’attenzione della Corte dei Conti per una verifica contabile puntuale. Il Consiglio poi ha proceduto all’approvazione dei verbali delle sedute precedenti. Contestualmente il consigliere Iebba del PDL ha depositato alla presidenza due interrogazioni urgenti relative a presunte anomalie sulla riscossione della Tarsu e alla situazione del Corpo di Polizia Municipale. A seguire, il civico consesso è passato alla trattazione dell’ordine del giorno proposto dalla minoranza sul passaggio dalla Tarsu alla Tia (Tariffa igiene ambientale). Il punto è stato illustrato dal consigliere Gitto il quale, attraverso un excursus giuridico, ha fatto notare che il regime Tarsu non è stato prorogato né da Governo né dal Parlamento e che quindi i Comuni dovranno applicare il decreto Ronchi del ’97 con l’introduzione della Tia. Il vicesindaco Ivan Zullo ha invece dichiarato che la riscossione della Tarsu è del tutto legittima come evidenzia anche il parere emesso dal segretario comunale tenuto conto anche che dal prossimo anno le competenze in materia passeranno in capo alla Provincia. Il passaggio alla Tia inoltre è sconveniente in quanto bisogna prevedere degli investimenti che andrebbero a gravare sulle spalle dei cittadini. Dopo il dibattito a cui hanno partecipato i consiglieri Iebba, Giardiello e D’Oro, il punto all’ordine del giorno è stato respinto con 4 voti favorevoli, 10 contrari e 1 astenuto. Il successivo punto, ossia il Regolamento Tia, di conseguenza non è stato messo in votazione seppur sia stato illustrato dal consigliere Vincenzo Montenigro. Completato l’ordine del giorno, il presidente Franci ha sciolto la seduta.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628