Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Alla libreria Luidig la presentazione del ‘Mistero (solubile) dello zucchero assassino’

Scritto da il 10 febbraio 2011 alle 13:23 e archiviato sotto la voce Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Sabato 12 febbraio, alle ore 18,00, presso la libreria Luidig di Benevento Giuseppe Aiello presenta il libro ‘Il mistero (solubile) dello zucchero assassino’ una storia di cibo, dominio, denaro e scienza. L’argomento del libro potrebbe sembrare piuttosto specifico, ad uso esclusivo di chi si interessa alla relazione tra alimentazione e salute e che desidera comprendere se veramente una dieta ricca in zuccheri semplici e cibi raffinati sia veramente così nociva come sempre più spesso si sente ripetere. In realtà, anche se questa tematica costituisce la motivazione originaria che sta alla base di questo lavoro, ci sono altri argomenti ed altre prospettive che è stato necessario affrontare perché risultasse comprensibile l’enorme importanza che il saccarosio ha acquisito tra i nostri cibi. Il “Mistero”, come recita il titolo, dello zucchero, sta proprio qui, nel fatto che oggi a quasi tutti noi sembra indispensabile una sostanza che in realtà compare piuttosto di recente sulle tavole degli occidentali, e non se ne capisce bene il perché.Le ragioni infatti sono molteplici e sono da ricercare nelle particolari proprietà del saccarosio, che ha la capacità di suscitare desideri insopprimibili: le persone che resistono alla tentazione, per esempio, della cioccolata, sono piuttosto poche. Certamente la veloce cessione di glucosio, indispensabile carburante per ogni nostra attività, che i dolci forniscono, è un’ingannevole attrattiva per il nostro organismo la quale gioca un suo ruolo, ma non basta a spiegare l’aumento esponenziale dei consumi che da 1600 ad oggi ha conosciuto poche interruzioni. Bisogna considerare il lato economico e politico della coltivazione della canna da zucchero che gia dal XVII secolo ha richiesto un tipo di produzione che, come sottolineò l’antropologo Sidney Mintz nel suo Sweetness and power, era l’immediata anticipazione degli stabilimenti che consentirono la rivoluzione industriale. Il potere delle nazioni colonizzatrici utilizzò con profitto le possibilità di espansione dei consumi dei derivati della canna da zucchero (in primo luogo saccarosio e rum) e, successivamente, di altri tipi di prodotti agricoli quali tè, caffé e cacao che associati allo zucchero provocarono un mutamento sostanziale nell’alimentazione degli europei. La stessa cosa può essere detta per le odierne multinazionali dell’alimentazione, grandi gruppi politico-industriali, che si battono fieramente per nascondere quali siano i reali effetti di una dieta che prevede un uso quotidiano di dolci. L’ultima parte del libro prevede una rassegna breve ma completa di pubblicazioni scientifiche, lavori che sono stampati su riviste specializzate generalmente inaccessibili al grande pubblico, ricchi di esperimenti che dimostrano lo strettissimo collegamento tra tutta una serie di malattie e una dieta a base di dolci. E ciononostante queste pagine non sono “contro” lo zucchero, ma “sullo” zucchero, perché l’importante non è evitare assolutamente tutto ciò che ci fa male, ma sapere in che misura ci fa male ciò che mangiamo (o beviamo, o fumiamo, etc.). E poi decidere se ne vale la pena, in modo consapevole, che è in fondo ciò che più importa.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628