Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

S. Leucio del Sannio, De Lucia e Iannace rimettono deleghe e ruoli

Scritto da il 9 aprile 2011 alle 09:06 e archiviato sotto la voce Primo Piano, Territorio. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

I Consiglieri Comunali del gruppo PD di San Leucio del Sannio, Gianpiero De Lucia e Carlo Alberto Iannace, rimettendo deleghe e ruoli, rendono noto di aver lasciato la maggioranza amministrativa retta dal Sindaco Carlo Iannace.
‘Le ragioni di tale scelta, che comunque verranno meglio chiarite alla cittadinanza in un prossimo intervento pubblico – si legge nella nota – nascono dalla materiale impossibilità di portare avanti l’azione amministrativa ed il programma elettorale.
Nell’ Agosto del 2010 provammo a dare un nuovo impulso alla situazione di stallo in cui versava la macchina amministrativa e con rinnovato impegno demmo nuovamente fiducia al sindaco che contribuimmo ad eleggere, tracciando nuove linee programmatiche e di condotta che il sindaco stesso sottoscrisse.
Ad oggi non riusciamo a riscontrare alcun cambiamento.
Le opere pubbliche, quantomeno quelle già finanziate, vivono una condizione di ingiustificata stagnazione e nessun nostro quotidiano ed insistente sollecito ha sortito alcun effetto.
Non è dato nemmeno sapere quali siano le reali condizioni in cui verte il bilancio comunale, né tanto meno comprendere le ragioni che hanno portato le casse dell’Ente ad una situazione di sopravvivenza.
Le prime discussioni sulle ipotesi dell’approvando Bilancio 2011 non prevedono una correzione dei conti pubblici, ma un ulteriore e gravoso contributo da parte dei cittadini.
D’altra parte ogni richiesta di informazione e documentazione inoltrata al protocollo comunale è rimasta inevasa, quasi a voler celare ad amministratori di maggioranza carteggi necessari ed utili per un corretto operare amministrativo.
Sono inoltre eluse elementari regole del corretto agire politico di cui la pubblica opinione già ci fa quotidianamente carico.
Non è più sopportabile, infine, che tutta la macchina amministrativa ruoti attorno al potere decisionale e valutativo di “figure estranee” all’amministrazione comunale, al cui servizio è chiamato una parte rilevante dell’Ufficio che dovrebbe, al contrario, limitarsi ad eseguire e mettere in pratica l’indirizzo politico scelto dalla Giunta e dalla maggioranza amministrativa nell’interesse generale della comunità.
Non erano questi gli obiettivi e le speranze che insieme al Sindaco ci eravamo posti
Da qui la necessaria nostra volontà di non avallare comportamenti e scelte che possono nuocere all’intera comunità sanleuciana’.

Di seguito la lettera di dimissioni dell’assessore Giampiero De Lucia:
‘Egregio Sindaco,
ho provato con tutte le forze e la mia buona volontà ad onorare il mandato che i cittadini ci hanno conferito, lavorando con l’unico scopo di servire la comunità sanleuciana.
Nel nostro programma erano ben fissati principi e obiettivi finalizzati a condurre l’amministrazione esclusivamente al servizio del bene comune e la significativa novità della Tua presenza e il nostro entusiasmo facevano ben sperare nell’esito positivo di quanto ci eravamo impegnati a realizzare.
Purtroppo nulla è andato nella direzione da noi sperata!
Forze estranee alla nostra maggioranza e la ripresa di pratiche clientelari che ricordano il malcostume politico di antica memoria (da sempre ostacoli veri alla crescita di San Leucio), hanno impedito quel positivo e virtuoso cammino che con Te avevamo indicato al paese.
Insieme a Carlo Alberto Iannace, avevo avvertito sui pericoli e sui ritardi che questa amministrazione subiva e con spirito costruttivo e collaborativo Ti avevo invitato a dare una decisa svolta alla conduzione della macchina amministrativa, pena il fallimento delle nostre speranze.
Mi rendo conto che non è stato fatto alcun passo in questa direzione!
Dato che non posso avallare ulteriormente scelte che danneggiano il mio paese ed i miei concittadini e non vedendo alcun riscontro rispetto a quanto vado da tempo reclamando, sono obbligato, per rispetto della mia persona e della mia dignità, a rimettere irrevocabilmente nella Tue mani ogni delega affidatami, ivi compresa la carica fiduciaria di assessore comunale.
Resterò vigile a difendere il bene comune e l’interesse di ogni cittadino nel Consiglio Comunale e lo farò con la forza dei miei ideali e dei miei valori’.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628