Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Città Spettacolo, il programma di venerdì 9 settembre

Scritto da il 7 settembre 2011 alle 18:55 e archiviato sotto la voce Primo Piano. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Presso i Saloni del Circolo Sociale, ore 18,00 e 20,00 andrà in scena “Un dramma”, corto teatrale liberamente tratto da un racconto di Anton Checov produzione Teatro in Fabula in collaborazione con Tourbillon Teatro, con Raffaele Ausiello, Irene Grasso, Fabio Rossi. Il corto è stato premiato alla VI edizione de La Corte della Formica, festival di corti teatrali, per la Miglior Regia e per il Miglior Attore (Fabio Rossi).

A Palazzo Paolo V torna “Wunderkammer Soap Tamerlano, Didone e Edoardo II”, il nuovo allestimento per Benevento Città Spettacolo della Compagnia Ricci/Forte in collaborazione con il Festival Internazionale Castel dei Mondi_Benvenuti. In scena frammenti inquieti di 25 minuti, esattamente come una soap opera televisiva, ispirati all’universo elisabettiano, da replicare in loop.
Al Convento Scolopi (Piazza Piano di Corte) un nuovo appuntamento con la musica del conservatorio Nicola Sala di Benevento. Alle 18:30 i ragazzi del Conservatorio proporranno “Harmoniemusik”.
Al Museo Arcos, alle 19:00, alle 20:15 e alle 21:30, nuovi appuntamenti con “Fermentaciòn (Il viaggio dell’Uva)”. Enrique Vargas propone una suggestiva e coinvolgente esperienza ludico sensoriale che racconterà agli spettatori il segreto e il rischio di svelare l’anima che abita nel vino.
Al Teatro De Simone, alle ore 20,30, andrà in scena “Regina Madre” di Manlio Santarelli. Una produzione Moscow Drama Theatre in collaborazione con Teatro Soprichastnost di Mosca, con Svetlana Miseri, Nokolay Balandin costumi Liudmila Derkach musiche Vera Kundrutzkova regia Igor Mihajlovich Sirenko. Si tratta dell’incontro-scontro tra una madre ed un figlio nella scrittura di Manlio Santanelli messo in scena a Mosca da Igor Mihajlovich Sirenko, ultimo allievo vivente di Nemirovic Dancenko.
Alle 18:00, all’Hortus Conclusus, Lucrezia Lante Della Rovere sarà protagonista del terzo appuntamento del ciclo delle “Letture stregate” a cura di Gabriella D’Angelo della Fondazione Bellonci. La fortunata formula, già proposta con grande successo lo scorso anno, prevede cinque grandi attori italiani che leggono i romanzi finalisti del Premio Strega 2011. Lucrezia Lante Della Rovere leggerà “La scoperta del mondo” della scrittrice Luciana Castellina che sarà presente all’incontro.

Alle 21:00, alle 22:00 e alle 23:00, tornerà “Di che hai paura?” di Richard Dresser, produzione Albatro Teatro. Percorso in auto con partenza da Corso Garibaldi, un progetto di Carlo Fineschi e Barbara Alesse. Il pubblico e gli attori sono tutti seduti nell’abitacolo di una vettura, mischiati gli uni agli altri. Tra i due personaggi, un “lui” e una “lei”, conosciutisi apparentemente solo nel momento in cui sono saliti in macchina, scocca l’amore, amore a prima vista.

“Marechiaro, waiting for the moon”, canzune e songs all’Osteria diMarechiaro al Teatro Romano, alle ore 21,30. Musiche di Roberto De Simone, regia e drammaturgia di Mariano Bauduin. Si tratta di una gradevole trasposizione dello spettacolo “Marechiaro waiting for the moon” che potrebbe essere considerata la libera traduzione del verso digiacomiano: Quanno sponta la luna a Marechiaro / pure li pisce nce fanno ll’ammore. Nel corso di un banchetto imbandito in un rinomato ristorante di provincia, agli inizi del Novecento, i capintesta della Camorra celebrarono un processo e sentenziarono le condanne a morte dei coniugi Cuocolo.

All’Arco del Sacramento, alle 22:30, il “Quartetto papanimico” in la prima nazionale de “Il Galeone Papanimico”. Loro sono: Peppe Papa voce, Alberto Falco chitarra e basso, Raffaele Natale chitarra e basso, Antonino Talamo percussioni. Su un galeone malconcio, la ciurma papanimica naviga nella tempesta. La crisi contemporanea canta se stessa attraverso la voce e le parole di Peppe Papa e le note di Raffaele Natale, Alberto Falco e Antonino Talamo, dove ironia e assurdo sono le scialuppe di salvataggio per una traversata transonirica.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628