Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

‘Settimana della Legalità’, il giudice Cantone: ‘Contro le mafie ritrovare la cultura della conoscenza’

Scritto da il 3 maggio 2011 alle 18:37 e archiviato sotto la voce Attualità. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

“Per arginare la penetrazione delle mafie nella società occorre ritrovare al più presto la cultura della conoscenza, dell’indignazione e, soprattutto, della dignità, che rappresenta l’unico vero strumento per determinare un cambiamento”. E’ questo il messaggio lanciato questa mattina a Telese Terme dal giudice Raffaele Cantone e dall’ex presidente della Commissione Ambiente del Senato, Tommaso Sodano, nel corso del convegno “Libri e Legalità”, che ha inaugurato la prima edizione della “Settimana della Legalità”, promossa dall’associazione Sanniopress Onlus con il patrocinio della Provincia di Benevento e del Comune di Telese Terme.

Rispondendo ad una domanda del moderatore dell’incontro, Billy Nuzzolillo, il giudice Cantone ha innanzitutto spiegato le ragioni che lo hanno spinto a scrivere i libri “Solo per giustizia” e “I Gattopardi”: “Borsellino e Falcone ci hanno insegnato che i magistrati non devono parlare solo attraverso le carte giudiziari e le sentenze ma devono anche spiegare i fatti, riducendo in questo modo le distanze tra cittadini ed istituzioni. Di qui la scelta, sul solco di quanto fatto appunto da Falcone (vedi il libro “Cose di Cosa Nostra” e la collaborazione con “La Stampa”), di cimentarmi nella scrittura di libri ed articoli, soprattutto nel momento in cui ho lasciato l’attività inquirente in senso pieno. Il momento divulgativo dell’attività di un magistrato è, a mio avviso, fondamentale”.

Un concetto ribadito anche da Tommaso Sodano: “Oggi, più che mai, c’è l’esigenza di una conoscenza e di un sapere diffuso perchè solo così possiamo evitare che fenomeni che hanno pesantemente condizionato la vita politica, sociale, economica e culturale della nostra regione, e del paese più in generale, possano ripetersi in futuro. La cosiddetta “peste”, e cioè quel sistema corrosivo fatto di sprechi e scandali che denuncio nel libro e che contamina tutti i settori della società, non riguarda solo la Campania. Basta vedere infatti ciò che è accaduto nel dopo terremoto in Abruzzo per rendersene conto. Di qui l’importanza della conoscenza per essere cittadini attivi e rendere in questo modo più facile il cammino della democrazia”.

Rispondendo ad una domanda di uno studente, che gli chiedeva come vive un magistrato i continui attacchi provenienti da importanti cariche istituzionali, Cantone ha sottolineato la pericolosità che consegue alla delegittimazione dell’intero ordine giudiziario: “Oggi, quando un soggetto viene indagato o imputato, la prima cosa che fa è quella di informarsi sul magistrato che sta operando. Non ci si difende dall’accusa ma dal soggetto che fa l’indagine o deve giudicare. L’attacco generalizzato rischia, quindi, di mettere in discussione l’autorevolezza stessa della magistratura e di essere perciò un danno per tutti”.

Il convegno è stato aperto dal sindaco di Telese Terme, Pasquale Carofano, e dell’assessore provinciale all’Ambiente, Gianluca Aceto, che hanno evidenziato la necessità di tenere sempre alta l’attenzione rispetto ai fenomeni malavitosi e, conseguentemente, hanno sottolineato l’importanza di organizzare iniziative come la “Settimana della Legalità”. All’incontro erano presenti studenti dell’IIS Telesi@ di Telese Terme e degli istituti superiori di Piedimonte Matese. Il programma della manifestazione è consultabile all’indirizzo: www.settimanadellalegalita.it

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628