Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Opere per il Sud: Boffa, “Ora manca l’assegnazione definitiva delle risorse”

Scritto da il 26 novembre 2010 alle 15:12 e archiviato sotto la voce Primo Piano. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

“Dopo mesi e mesi di attesa e a seguito di numerose iniziative parlamentari prodotte nell’ultimo periodo, il Governo ha fatto oggi un passo avanti deliberando al Cipe la ricognizione delle risorse non spese e definendo le priorità strategiche per lo sviluppo del Sud, tra le quali la prima è il progetto di potenziamento della linea ferroviaria ad Alta Capacità Napoli- Bari – annuncia l’on. Costantino Boffa -  Le intenzioni sembrano dunque buone tuttavia bisogna fare i conti con la realtà e con il fatto che le risorse annunciate non sono effettivamente disponibili. Quindi questo piano rischia di essere l’ennesimo spot propagandistico senza contenuti e scelte concrete”.
“E’ ovvio quindi che non siamo ancora alla definitiva approvazione del finanziamento dell’opera da parte del Cipe – aggiunge – manca infatti ancora l’assegnazione definitiva delle risorse. A riguardo credo anche che sia  giusto concentrare le risorse non spese su poche e ben definite opere strategiche, evitando il rischio di disperdere i fondi a disposizioni in mille rivoli. Il Cipe ha poi stabilito che per ognuna delle priorità, entro 30 giorni dall’approvazione del Piano, saranno definite modalità di attuazione, cronoprogramma e soprattutto il quadro finanziario. La cartina di tornasole sarà la delibera di copertura finanziaria, lì si vedrà effettivamente se esistono le risorse annunciate e quante sono. Inoltre, perché ci sia la definitiva approvazione dell’opera, la Regione Campania deve, come più volte abbiamo sostenuto, sollecitato e ricordato, adottare la delibera di approvazione del progetto della ferrovia ad Alta Capacità Napoli- Bari. Invitiamo dunque la Regione Campania a svegliarsi e a fare il suo dovere, evitando ulteriori perdite di tempo e tentennamenti”.
“In ogni caso fino a che l’opera non sarà portata al Cipe per la definitiva approvazione con l’assegnazione della copertura finanziaria, a partire dal primo lotto funzionale (Cancello-Frasso Telesino-Dugenta), non si potranno aprire i cantieri e non si potrà affermare che l’iter di approvazione del progetto sia stato completato. Quindi nei prossimi giorni occorre lavorare di concerto, mettendo in piedi un’azione congiunta da parte di tutti i parlamentari, al di là delle collocazioni e degli schieramenti politici, per avere la definitiva approvazione del Cipe e per evitare che quanto deliberato oggi, per quest’opera così come per gli altri interventi, sia soltanto uno spot propagandistico che non si sostanzia in iniziative e fatti concreti”.
“Per arrivare a ciò –  aggiunge l’on. Boffa – sono servite numerose iniziative parlamentari: a luglio c’è stato l’incontro con il Ministro per gli affari regionali Raffaele Fitto, al quale ha preso parte una delegazione di deputati campani e pugliesi, e nel quale è stata definita la delibera che oggi è andata al Cipe; nel maggio scorso cento deputati di maggioranza e opposizione scrissero al Presidente del Consiglio e al Ministro delle Infrastrutture per chiedere di portare al Cipe l’approvazione definitiva del progetto; una analoga iniziativa era stata già prodotta da altri trenta parlamentari  pochi mesi prima; sul tema sono state approvate all’unanimità, in Commissione Trasporti, ben tre risoluzioni (primi firmatari Boffa e Ginefra); il finanziamento della Napoli- Bari è stato inoltre oggetto il 24 febbraio scorso di un question time in cui il Ministro Vito riconfermò l’assoluta priorità dell’opera; senza dimenticare diversi ordini del giorno presentati alla Camera e sempre votati da parlamentari di ogni schieramento”.
“Ovviamente – dichiara l’on. Boffa -  continueremo a seguire gli sviluppi e a produrre iniziative, politiche e istituzionali, fino a quando non arriveremo alle decisioni finali e all’apertura dei cantieri.  L’Alta Capacità Napoli-Bari è la più grande opera infrastrutturale che riguarda il Mezzogiorno e consentirà al Sud di agganciarsi ai grandi corridoi europei dello sviluppo,  e alle aree interne, in particolare al Sannio, di superare quella condizione di marginalità e perifericità che negli anni ha impedito lo sviluppo duraturo del nostro territorio. Stiamo parlando inoltre di un’opera ampiamente condivisa dal territorio, dalle parti sociale e dalle istituzioni. Questo perché si è percorsa sempre la via della concertazione e non si è calato nulla dall’alto”.

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628