Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Giornata della Patria, il Consiglio Comunale ha ricordato le vittime di Nassiriya

Scritto da il 12 novembre 2010 alle 21:20 e archiviato sotto la voce Attualità, Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Nell’ambito di un apposito Consiglio Comunale è stata celebrata la ‘Giornata della Patria’, istituita  in memoria delle vittime italiane di Nassiriya del 12 novembre 2003 e delle altre missioni di pace all’estero. Tantissime le autorità civili, militari e religiose intervenute alla commemorazione. “Ai giovani – ha dichiarato il sindaco Fausto Pepe – che scrutano il mondo degli adulti e intravedono tante incomprensibili divisioni, che non risparmiano le istituzioni, suggerisco di porre la propria attenzione alla storia gloriosa del nostro Paese, ai momenti che ne hanno sancito l’unità, alla generosità profusa da tanti eroi che hanno agito in terre lontane e martoriate per ristabilire un clima di pace e di solidarietà. Anche dalla commemorazione di quei soldati che con la vita hanno pagato la speranza in un mondo migliore, può nascere una maggiore condivisione che veda ciascun cittadino protagonista. La Patria e la sua rappresentazione, affidata anche ai soldati in missione all’estero, non può conoscere divisioni di sorta nell’onore che va tributato alle vittime di tutte le missioni umanitarie che il nostro Paese realizza nell’ambito delle organizzazioni internazionali”. Prima dell’avvio dei lavori era stato osservato un minuto di raccoglimento in ricordo di tutti militari italiani che hanno perso la vita negli scenari di guerra. Immediatamente dopo, il presidente del Consiglio comunale, Giovanni Izzo ha dato la parola al presidente del Lions Club Benevento Host, il consigliere Ucci che ha dichiarato: “Il nostro commosso  pensiero in questo giorno va ai militari, vittime nelle zone di guerra. Alle loro famiglie esprimiamo il nostro cordoglio e la nostra solidarietà. Le vittime di Nassiriya sono un esempio di mirabile dedizione al senso del dovere e all’amor di Patria, un esempio di vita per tutti noi e soprattutto per le giovani generazioni”. “Nessun Paese libero e democratico – ha successivamente affermato il Prefetto, Michele Mazza – può sottrarsi a contribuire alla stabilità della comunità internazionale. Non possiamo chiuderci nella nostra tranquillità. Il fondamento delle nostre missioni non è nelle leggi ordinarie ma nella Costituzione, secondo i principi sanciti dall’art. 11. Il ricordo delle vittime deve persistere e spingerci a fare meglio per onorare quel sacrificio. Ringrazio i giovani presenti per i progressi che contribuiranno a realizzare nella costruzione di un futuro più prospero e più sicuro”. Il Comandante provinciale dei Carabinieri, Colonnello Antonio Carideo nel corso del suo intervento ha esortato i giovani presenti in sala: “Fate in modo che la vostra partecipazione ad un evento così denso di significato costituisca un momento di crescita e di arricchimento di quei valori necessari ad operare bene in futuro nella società, qualunque lavoro sarete chiamati a svolgere”. Per il Generale dell’Aeronautica Francesco Landolfi: “Oggi è forte la consapevolezza che di fronte ad una guerra gli eserciti non costituiscono più la soluzione. Noi abbiamo rinunciato al bellicismo ma non ad essere guardiani della pace ed è per questo che l’intervento militare e quello umanitario non possono prescindere l’uno dall’altro”. Carmen Maffeo, presidente della sezione Unicef di Benevento ha poi sottolineato come: “Tutti i bambini hanno diritto ad una patria, ad una identità. Non si tratta di concetti astratti ma di valori pieni di significati tangibili. Ben 11 milioni di bambini nel Mondo non sono registrati ad alcuna anagrafe e dunque non hanno identità. Essere consapevoli della propria cultura, della lingua, e della tradizione è il primo necessario presupposto per accettare la cultura dell’altro e costruire un mondo di pace”. È poi intervenuto il presidente della III Circoscrizione Lions, Angelo Falde che ha sottolineato “l’importanza della memoria e del valore dimostrato negli scenari di guerra dai nostri soldati”. “Il loro esempio – ha concluso – spinge tutti noi ad operare di più e meglio nell’ambito del volontariato”. Intervenuto in rappresentanza del Presidente della Provincia, Aniello Cimitile, l’assessore alla Cultura, Carlo Falato ha dichiarato: “I nostri militari non si trovano all’estero per combattere ma per assicurare a quelle popolazioni sfortunate condizioni accettabili di vivibilità per consentire di porre le basi per una società migliore. È giusto che il nostro pensiero sia rivolto anche alle famiglie che attendono in Italia i loro cari e alle tante associazioni umanitarie che operano al fianco dei soldati”.

 

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628