Edil Flex Sannio Disinfestazione Edil Appia Expert Office Mercatino Streghe Gabetti Agriturismo La Morgia Gabetti Ferrone GEST.ECO

Samnites Gens fortissima Italiae

Il Sannita.it

direttore Antonio De Cristofaro

Cerimonia ad Apice per ricordare i caduti in guerra

Scritto da il 8 novembre 2010 alle 10:00 e archiviato sotto la voce AttualitĂ , Testata. Qualsiasi risposta puo´ essere seguita tramite RSS 2.0. Puoi rispondere o tracciare questa voce

Alla presenza di numerose autorità civili, militari e religiose, ieri mattina si è svolta la manifestazione intitolata “Apice onora i suoi caduti per la Patria” in occasione della Festa dell’Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate. Momento culmine della cerimonia è stato lo scoprimento e la benedizione di due lapidi, realizzate con il contributo della Provincia di Benevento, sulle quali campeggiano i nomi dei 111 giovani soldati apicesi che hanno sacrificato la loro vita durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. La giornata si è aperta all’interno della Sala Consiliare dove l’Amministrazione comunale, con il testa il sindaco Ida Antonietta Albanese, ha ricevuto il saluto del generale di brigata Sabato Errico, per poi spostarsi presso la nuova sede dell’Associazione Nazionale Famiglie dei Caduti e dei Dispersi in Guerra che è stata benedetta dal parroco mons. Giuseppe Errico. A seguire è partito il corteo, guidato dalla banda musicale “Città di Apice”, alla volta della chiesa madre del paese dove il cappellano militare don Emilio Di Muccio ha presieduto la santa messa. Dopo la funzione religiosa, ha avuto inizio la cerimonia presso il monumento ai caduti alla presenza dei labari dell’Associazione Nazionale Famiglie dei Caduti e dei Dispersi in Guerra, dell’Unione Nazionale degli Ufficiali in Congedo e dell’Associazione Combattentistica degli Artiglieri d’Italia nonché del gonfalone del Comune di Apice. Schierata in alta uniforme anche una nutrita rappresentanza di origini apicesi delle Forze Armate e dei Corpi Armati dello Stato. Hanno partecipato anche il dirigente scolastico, i docenti e gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Emanuele Falcetti” ma anche i rappresentanti delle associazioni culturali e del volontariato di Apice. La commemorazione è stata contrassegnata dalla cerimonia dell’alzabandiera a cura del reduce di guerra Domenico Genito e dell’allievo della Scuola Militare di Milano Francesco Zarrillo. Subito dopo è stato letto il messaggio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a cui ha fatto seguito l’apposizione di due corone al monumento e lo scoprimento delle due lapidi. Due studentesse hanno letto i nomi dei soldati morti durante le guerre mentre il caporalmaggiore Fiorentino Genca ha proclamato la Preghiera del Soldato. Si è passati poi agli interventi delle autorità civili e militari. Ha aperto il professore Pasquale Nisco, consigliere nazionale dell’Associazione delle Famiglie dei Caduti e dei Dispersi in Guerra. A seguire è stata la volta del professore Pasquale Masiello che ha tenuto un intervento storico commemorativo. Dopo i ringraziamenti del generale Errico, la manifestazione è stata conclusa dall’allocuzione del sindaco Albanese che ha innanzitutto ricordato il 28enne Ilario Ferraro, finanziere di origini di apicesi, morto prematuramente nei giorni scorsi in un incidente stradale. Il primo cittadino poi ha sottolineato il valore e il significato della giornata: “Lo scoprimento di queste lapidi – ha detto – deve essere un monito per tutti noi affinché mai più abbiano a ripetersi eventi tragici come quelli della Prima e Seconda Guerra Mondiale che hanno mietuto troppe vittime in nome della violenza e della sopraffazione tra popoli”. La mattinata si è conclusa con gli onori ai caduti presso il Cimitero Comunale.

 

Rispondi

Stampa Stampa
Associazione SANNITAMANIA - Via San Gaetano, 22 - 82100 Benevento - P.IVA e C.F. 01581310628